Atalanta, le piste Soriano e Defrel restano vive

I nerazzurri cercano rinforzi in vista della campagna europea. A centrocampo piace il giocatore ex Samp, per l'attacco si pensa al francese, poco utilizzato alla Roma e voglioso di riscatto.

Atalanta, le piste Soriano e Defrel restano vive
Atalanta, le piste Soriano e Defrel restano vive | Twitter Villarreal

Il mercato non è ancora iniziato ufficialmente, ma tutte le squadre si stanno già muovendo per rinforzarsi. Non è da meno l'Atalanta, che inizierà la stagione molto presto con i preliminari di Europa League di luglio e già per allora dovrà avere quanto meno un'idea precisa della squadra che affronterà la nuova stagione. 

Gasperini sembra aver indicato soprattutto due reparti dove concentrare gli sforzi degli uomini mercato della Dea: centrocampo e attacco. In mediana, dove è probabilissima la partenza di Cristante, serve un ricambio adatto, che abbia corsa, tecnica e gol in canna. Il profilo perfetto in tal senso potrebbe essere quello di Roberto Soriano. L'ex Sampdoria, attualmente in forza al Villarreal, sembra sentir nostalgia dell'Italia ed il progetto dei bergamaschi lo affascina, cosa non da poco visto che potrebbe indurlo anche ad una riduzione dell'ingaggio (attualmente prende 1.8 milioni di euro l'anno). La trattativa con il club spagnolo non è ancora cominciata e partirà dai 15 milioni richiesti dai dirigenti del sottomarino giallo. Percassi può certamente avvicinarsi alla doppia cifra, ma non raggiungere quella richiesta dal Villarreal, motivo per cui sarà molto importante la mediazione dell'agente di Soriano. 

Per quanto riguarda l'altro reparto indicato da Gasperini, ovvero l'attacco, Percassi ha elogiato molto Gregoire Defrel. Il francese ex Sassuolo ha vissuto una stagione con più scuri che chiari alla Roma, dove di fatto è stato la riserva di Edin Dzeko. Dopo un anno del genere è normale che un giocatore provi a sondare il mercato per trovare altri lidi dove portare le proprie prestazioni e Bergamo sembra essere un buon posto. L'affare non dovrebbe essere impossibile, ma Di Francesco è molto legato al ragazzo e potrebbe essere un ostacolo in tal senso, soprattutto se Berardi non lascerà l'Emilia per approdare alla corte del suo ex allenatore.