Chievo Verona: rivoluzione in attacco, si punta a qualche giovane per ripartire

In attacco piacciono Simy e Falcinelli, sondati anche Emmers dell'Inter e Favilli della Juventus. L'obiettivo della società, che ha dato fiducia a Lorenzo D'Anna, è quello di rifondare la rosa per evitare i tracolli visti nell'ultima stagione.

Chievo Verona: rivoluzione in attacco, si punta a qualche giovane per ripartire
source photo: twitter AC Chievo Verona

Il Chievo Verona ha una voglia matta di ripartire. Dopo la brutta annata appena trascorsa, i gialloblu hanno infatti capito la lezione e fin dalle prime battute di questa parentesi di pausa non sono mancati i movimenti esplorativi sul mercato. Il primo reparto da rimpolpare sarà sicuramente quello offensivo, impoverito dall'addio di Roberto Inglese. Il primo nome sul taccuino della dirigenza veronese è sicuramente quello del nigeriano Simy, che con la sua Nazionale si giocherà i Mondiali di Russia 2018. Giovane e fisicamente prestante, il ragazzo ha fatto vedere anche ottime cose dal punto di vista tecnico, come conferma la rovesciata alla Juventus che ha regalato un punto ai suoi compagni. Difficile che Simy resti in Serie B con il Crotone, il Chievo è dunque pronto all'affondo.

Altro nome molto caldo è quello di Diego Falcinelli, calciatore del Sassuolo che non ha convinto con la casacca della Fiorentina. Di ritorno dal capoluogo toscano, l'ex Crotone potrebbe giocarsi le proprie chances in una nuova compagine, puntando dritto su un Chievo voglioso di rinascita e di rinascere. Attaccante completo, preciso sotto porta ma molto dotato tecnicamente, Falcinelli sarebbe un investimento importante ma che di fatto andrebbe a sostituire il partente Inglese. Sempre in attacco, soluzione molto più a basso costo sarebbe quella che interesserebbe Andrea Favilli, reduce da una buona stagione all'Ascoli ma di proprietà della Juventus. Il ragazzo interessa, il dubbio è però sul proprio rendimento in A. A centrocampo piace invece Emmers dell'Inter, altro ragazzetto pronto a testarsi in serie A. 

Intervistato in esclusiva a Il Corriere di Verona, Roberto Inglese ha salutato la rosa gialloblu: "Caro Chievo, è un arrivederci. Del club gialloblù mi mancherà tutto, ma conto di ritornare un domani. Andrò lì e dovrò rimboccarmi le maniche, capire il sistema di gioco, vivere con altri tipi di pressione. Dovrò imparare a capire. In silenzio" conclude Inglese, grato ad una rosa che gli ha permesso di affacciarsi nel calcio che conta da protagonista.