Juventus, si presenta Emre Can

Ecco le prime parole del nuovo centrocampista bianconero

Juventus, si presenta Emre Can
twitter.com

Nella sala stampa dell'Allianz Stadium arrivano le prime parole del neo juventino Emre Can. Vestito in giacca e cravatta, con la J sul taschino, accompagnato dalla responsabile della comunicazione Juventus, ha subito sorriso ed è sembrato tranquillo e felice. La prima domanda è stata sulle sue prime sensazioni da juventino: "La mia prima impressione è stata di un grandissimo club a livello di strutture. sono davvero lieto di essere bianconero. Ho parlato con Khedira, il quale mi ha parlato in maniera positiva della Juve e sono davvero felice della mia scelta."

Sulla sua infanzia come tifoso della Juventus: "Il mio primo allenatore era italiano e tifoso della Juve e mi ha detto che, un giorno, ci avrei giocato. Era la squadra di Nedved e Del Piero e loro erano due super campioni". Sui mondiali e sui giocatori possibili delusi: "I mondiali non sono un problema. I giocatori delle Nazionali sono favolosi e nessuno subirà contraccolpi dalle eliminazioni. Conta solo il club dopo il mondiale". Domanda ovvia su un possibile approdo di Ronaldo alla Juve, sia a Emre che alla rappresentante della società. Il giocatore tedesco ha detto: "Penso che chiunque vorrebbe giocare con Cristiano, ma siamo tutti molto concentrati". Da parte della società la risposta è stata: "Siamo qui per Emre e la sua presentazione." Sulla sua scelta in bianconero: "Ho avuto varie proposte, ma ho scelto la Juve per la mentalità vincente che possiede". 

Sugli obiettivi della stagione: "Il primo obiettivo è lo Scudetto, ma so che la Juve e i suoi tifosi vogliono Champions e voglio dare il mio contributo per vincerla, ma la Serie A è il primario". Sul ruolo e sul suo idolo: "Non ho parlato con Allegri di tattica, nasco centrocampista,ma sono disposto a fare tutto pur di aiutare a vincere il club. Zidane è il mio idolo da quando sono bambino". Sulla catastrofe tedesca in Russia: "Grande delusione per tutti, tifosi e squadra. Dispiace, ma torneremo forti e ci rialzeremo con Low, il quale è un grande allenatore". Aggiunge, inoltre, di non avere mai avuto problemi con Klopp, anzi ammette un messaggio di auguri del suo ex tecnico. Domanda finale sull'accoglienza a lui riservata dai giocatori presenti oggi per il primo giorno della nuova stagione: "Ho incontrato tutti i giocatori, abbiamo parlato di tutto in maniera calorosa dalle vacanze a come stavo dopo l' infortunio". Foto di rito con la maglia 23 per finire la conferenza. Emre Can è davvero pronto a stupire i suoi nuovi tifosi.