Udinese - Velazquez: "Sofferenza finale perchè non l'abbiamo chiusa, ma ottima prestazione"
Julio Velazquez

Udinese - Velazquez: "Sofferenza finale perchè non l'abbiamo chiusa, ma ottima prestazione"

Queste le parole in conferenza stampa di mister Julio Velazquez.

Mech867
Davide Marchiol

Arriva la prima vittoria ufficiale per l'Udinese nella stagione 2018/2019. È anche il primo successo per mister Velazquez, che però tiene i piedi ben saldi a terra, sottolinenando pregi e difetti della sua squadra.

La prestazione è stata buona per larghi tratti del match, poi l'ultimo quarto d'ora è stato fatto di grande sofferenza: "Penso che abbiamo fatto una bellissima prestazione, penso che circa per 75 minuti abbiamo fatto molto bene, potevamo fare il secondo gol, non lo abbiamo fatto ed ovviamente è venuta fuori la Sampdoria. Però servono anche queste vittorie, fatte di cuore e sacrificio. Siamo contenti per i giocatori e i tifosi, che ringraziamo per l'aiuto di oggi".

Negli ultimi minuti è sembrato quasi esserci un calo fisico e mentale:  "Non ci sono stati cali nell'ultimo quarto d'ora, i pericoli sono nati perchè non l'abbiamo chiusa, è una meccanica normale del calcio. È successo al Parma domenica scorsa una cosa simile. L'intensità è stata alta e questo è l'importante, è l'intensità giusta per crescere e migliorare. Complimenti a tutti i giocatori perchè hanno dato il massimo"

Con il 4-3-3 l'Udinese è sembrata perfettamente equilibrata, ma: "Con me non ci sarà mai una versione definitiva. Lavoriamo in settimana per giocare poi una partita versatile, come ho detto spesso posso giocare a 3, a 4, con due punte con una. Oggi era importante bloccare il play della Sampdoria e più in generale il centrocampo della Sampdoria. Poi quando cercavano di uscire sugli esterni era importante andare a bloccarli lì, quindi per questo ho scelto il 4-3-3. Però voglio una squadra che abbia una sua identità, una sua filosofia di gioco e che sia versatile, in modo da poter usare qualsiasi modulo"

Tutta la panchina alla fine è esplosa in un urlo di gioia: "Prima che calciatori siamo persone, l'entusiasmo si sente e questo mi fa felice. Mi piacerebbe di più vincere 4-0 e non soffrire, ma è bello anche vincere di misura mettendoci cuore e grinta. Il gruppo è bellissimo, molte nazionalità, ma lavorano tutti molto bene insieme. Per questo penso che siamo sulla strada giusta. Adesso non dobbiamo rilassarci e continuare a lavorare"

La Sampdoria è stata pressata bene, bloccando le sue fonti di gioco: "Oggi abbiamo fatto un'ottima prestazione in blocco alto. Ho visto molte partite della Sampdoria dell'anno scorso, è una squadra che gioca alto, ma siamo riusciti a bloccarli. Possiamo sempre migliorare, per esempio chiudendo la partita, ma abbiamo difeso bene, fatto un buon pressing e attaccato con intelligenza".

VAVEL Logo