Inter, il punto sui rinnovi di Icardi e Skriniar

Tempo di rinnovi in casa Inter che cerca di blindare due big.

Inter, il punto sui rinnovi di Icardi e Skriniar
Twitter.com (@Inter)

Quando un amore inizia e sboccia, c'è la necessità di sigillarlo e di blindarlo, firmando magari su carta bianca. Almeno in ambito calcistico; ecco perché l'Inter di Luciano Salletti è pronta a cercare di mantenere in casa propria due giocatori che, sicuramente, la squadra nerazzurra non può farsi scappare per nessuna ragione al mondo. Ecco che, dunque, si continua a trattare su due uomini importantissimi: Milan Skriniar e Mauro Icardi.

ICARDI - La situazione per il prolungamento contrattuale del capitano e bomber nerazzurro non è posto in una situazione critica o complicata. Icardi ha sempre dichiarato amore alla sua attuale squadra e le conferme sono arrivate sul campo e dalla moglie-agente del giocatore argentino Wanda Nara. Però il rinnovo non è ancora arrivato e, di fatto, le trattative continuano con ottimismo e serenità da entrambe le parti. Cosa c'è di certo? L'ingaggio attuale dell'ex Sampdoria e Barcellona monta ad una cifra di circa 4 milioni e mezzo di euro che grazie al bonus scattato in merito al raggiungimento della Champions League è salito a 5,3 milioni. Ecco il nodo fondamentale che permette al numero 9 interista di meritarsi al cento per cento un nuovo ingaggio e un nuovo rinnovo di contratto. Il ritorno in Champions dell'Inter è arrivato anche grazie ai gol di Mauro Icardi che ha concluso la stagione con la vittoria della classifica capocannonieri della Serie A, in concomitanza con Ciro Immobile. Resta certo il fatto che la durata del contratto verrà allungata fino al 2023l'ingaggio lieviterà fino a 5 o 6 milioni di euro. Cosa resto incerto? Non c'è l'intesa definitiva sui bonus. I continui aggiornamenti tra le parti sono dovuti a questo dato.

SKRINIAR - La situazione per il prolungamento del difensore centrale numero 37 è leggermente differente. La volontà di restare c'è e Skriniar lo dimostra e lo sottolinea durante ogni intervista all'interno della quale gli viene posto un quesito sul suo futuro. L’ex Sampdoria guadagna attualmente circa 1,7 milioni netti a stagione e l’ingaggio è destinato a salire leggermente dal 2019 e sino al 2022, anno in cui il contratto dello slovacco scadrà. Al termine del camionato la squadra nerazzurra ha offerto un aumento dell'ingaggio del 50% dello stipendio, dunque una salita che arrivava ai 2,5 milioni all’anno sino al 2023, dunque un anno in più rispetto alla scadenza attuale. Ma l'agente Karol Csonto e il giocatore stesso preferirebbero alzare l’asticella sino a toccare i 3 milioni a stagione. La trattativa continua e si attendono sviluppi.