Juventus - Le parole di mister Allegri

Juventus - Le parole di mister Allegri

Cosa ha detto il mister della Juve alla vigilia della sfida al Sassuolo.

francesco-bruni
Francesco Bruni

Una Juventus che ritrova il campionato e si prepara alla trasferta di Valencia in Champions con animo guerriero e sicuro. Avversario di Domenica alle 15, sul prato dello Stadium, il Sassuolo, squadra ostica e ben allenata da De Zerbi. Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa poco fa e ha espresso concetti chiari in maniera davvero seria. Il mister bianconero ha esordito evidenziando come troveranno spazio tutti i suoi giocatori nelle rotazioni.

Sulla domanda del FIFA best player. "Io voterei Ronaldo per quello che ha fatto vedere nella passata stagione, senza nulla togliere a Modric." Su De Zerbi: "E' un allenatore giovane e di assoluto talento, è bravo nell'impostazione del gioco da dietro e ha trovato giocatori esperti e giovani davvero buoni al Sassuolo. E' uno scontro diretto e lo dice chiaramente la classifica." Questione Dybala: "Gioca o non gioca? Non lo so ancora, devo vederlo. Le partite precedenti non le ha giocate per mie scelte, ora fortuna abbiamo tre competizioni e avrà spazio. Deve solo mettersi in gioco e lavorare come tutti. Non va bene sia sottoposto a questa pressione, mediatica in primis, in quanto se gioca o no lo massacrate comunque."

Tra Nazionali e Valencia,peserai le tue scelte: "Sicuramente chi ha giocato le due partite intere in nazionale, non giocherà domani. L'unico che parte titolare è Matuidi." Su Ronaldo, come sempre: " Si è allenato bene, non mi aspetto cose strane da lui, se non quello che ha fatto fino adesso e sono certo segnerà." Su Perin e alternanza: " Gioca Wojech, ma Mattia sarà presto in campo con l'arrivo della Champions." Su possibili titolari: " Mandzukic ci sarà in campo, Chiellini non credo, Pjanic riposa, mentre su Khedira devo valutare." Emre Can e il suo posto in campo: " Si deve ancora un po adattare al calcio italiano, ma se gioca lo metto a centrocampo."Sulla Nazionale: "Diamo tempo a Mancini e mettiamo pazienza. Il calcio italiano deve cambiare non solo nei giocatori, ma bisogna insegnare bene il gioco ai giovani. Mancano insegnanti seri e non è tutto da buttare il passato. I nostri sono tornati bene dalla pausa". Chiosa su una possibile titolarità di De Sciglio e ha elogiato il lavoro della Juve Under23 e del suo mister Zironelli.

VAVEL Logo