Serie A, Il Genoa vince contro il Bologna: le parole di Ballardini ed Inzaghi

II Genoa ha battuto 1-0 il Bologna e sale così a quota 6 punti in classifica..

Serie A, Il Genoa vince contro il Bologna: le parole di Ballardini ed Inzaghi
https://twitter.com/GenoaCFC

Nella quarta giornata di Serie A, il Genoa ha battuto 1-0 il Bologna. A decidere il match è stato Piatek con un destro a giro dal limite. Il polacco è al quarto gol in sole tre partite. Ancora a secco di gol la squadra di Inzaghi. 

Piatek ha mandato in estasi il Genoa: "E' vero che giocavamo contro una squadra che ti concede poco -ha dichiarato Ballardini al termine del match- Contro l'Inter fino al 70' aveva concesso poco all'avversario, è una squadra esperta che sa quello che deve fare con molta personalità. Noi venivamo invece da una partita dove, per una mezzora, ci sentivamo fortissimi e quando fai così sei morto. Questi fatti hanno portato ad una partita non bella ma di grande attenzione, di grande voglia di correre e di esserci sempre nelle due fasi di gioco. Abbiamo vinto una partita con difficoltà enormi".

I giocatori rossoblu hanno risposto come voleva il proprio tecnico?: "Tu devi dare il meglio di te stesso per il compagno e quando lo hai fatto sei apposto. Il meglio di te lo devi ricercare in ogni momento della partita con attenzione e furore perchè anche se per un attimo pensi di poterti risparmiare non sei un giocatore da Genoa".

Ora per Pippo Inzaghi è crisi: "Fossi preoccupato avrei portato la squadra in ritiro -ha commentato il tecnico del Bologna- Penso che il Genoa se la giochi con noi perché non ho visto differenza. Non possiamo rimproverare nulla a questi ragazzi se non a fare gol".

Sulla sconfitta di Marassi: "Io devo guardare le prestazione. Purtroppo ogni volta che tirano in porta prendiamo in gol. E’ la quarta giornata e il nostro portiere non ha fatto una parata. Oggi è stata una partita equilibrata, oggi non ci va bene nulla. Dobbiamo continuare a lavorare e penso che a breve ci andrà bene un tiro. Dobbiamo continuare a lavorare così perché è l’unica medicina che conosco. Dobbiamo essere più bravi vicino alla porta. Abbiamo fatto giocare Okwonko, c’era rigore su di lui. Non ci attacchiamo all’arbitro però il gol del Genoa nasce da una punizione per noi. Non vogliamo recriminare ma anche su questi particolari non siamo fortunati".