Torino: emergenza esterni in vista del Napoli, Mazzarri deve correre ai ripari
source photo: twitter Torino

Torino: emergenza esterni in vista del Napoli, Mazzarri deve correre ai ripari

Il Torino dovrà affrontare il Napoli con l'emergenza-esterni: Mazzarri dovrà plasmare la rosa in vista del match casalingo contro la rosa che lo ha elevato ad uno dei migliori tecnici italiani.

antonio-abate
Antonio Abate

Il Torino deve fare i conti con l'emergenza esterni. In vista del prossimo match contro il Napoli - impegno delicatissimo e probante - i granata dovranno scendere in campo con una formazione rimaneggiata, con Walter Mazzarri chiamato ad un lavoro certosino per limitare al massimo i danni. Con De Silvestri fermo ai box, il tecnico del Torino potrà contare solo su tre interpreti laterali: Ola Aina, Berenguer e Parigini, con questi ultimi due poco inclini a giocare da fluidificanti. Mazzarri punterà sicuramente sull'ex Chelsea, che ha davvero sorpreso in questa prima parte di stagione. 

Discorso diverso, invece, per gli altri due. Berenguer, sul piede di partenza in estate, ha spesso dato prova di volontà ed impegno ed è pronto a dire la sua in questa stagione. Dopo il goal annullato, lo spagnolo ha voglia di segnare e di dare il suo contributo, scalando posizione nello scacchiere tattico di Mazzarri. Molto più offensivo Parigini, che in caso di necessità si è dimostrato pronto a sacrificarsi. Il tecnico del Torino potrebbe scommettere sull'ex Chievo Verona, aumentando il peso offensivo della squadra. 

Intervenuto ufficialmente durante la sua presentazione, il laterale Aina ha parlato dell'impatto del mondo Toro: "Ho iniziato molto bene qui, penso sia grazie ai compagni che mi stanno intorno e allo staff tecnico. Ho grande fiducia in me quindi ogni volta che c’è una nuova sfida la prendo di petto senza paura. E’ quello che ho fatto in queste poche partite. Fino adesso è andata bene. Mi sto divertendo molto e penso che sono in un grande campionato. Il Chelsea? Mi ha permesso di essere qui perché la Serie A è ottima per la mia crescita soprattutto dal punto di vista tattico".

VAVEL Logo