Milan, la carica di Higuain verso il derby 

Milan, la carica di Higuain verso il derby 

 Le parole del bomber argetino: "Al Chelsea mi voleva solo l’allenatore.Il Milan mi ha dato qualcosa in più dopo un Mondiale non esaltante, ho trovato quello che stavo cercando".

ari-radice
Arianna Radice

Mancano sempre meno giorni al derby tra Inter e Milan. La carica, l'adrenalina sono già alte in entrambe le squadre. Chi sarà il man of the match? Magari sarà Gonzalo Higuain alla prima nel derby con la maglia rossonera.

36 DERBY IN CARRIERA PER L'ARGENTINO - "Tutti derby hanno un sapore speciale e stavolta sarà lo stesso, anche perché è il primo col Milan. Sarà bello giocarlo. Stiamo vivendo l’attesa con tranquillità, concentrazione e voglia di fare bene. Il fatto che San Siro sarà quasi tutto dalla loro parte per noi sarà una spinta in più. Questo è un derby caldo, assomiglia a quello di Madrid. E poi giocare a San Siro è fantastico, lo posso affermare anche da avversari".

INTER - MILAN, ICARDI CONTRO HIGUAIN- Non stiamo giocando a tennis, ma a calcio. Undici contro undici, non centravanti contro centravanti. Vincono le squadre, non i singoli giocatori. Lui comunque sta facendo bene da diversi anni, ha segnato tanti gol, è giovane e ha margini di crescita. Gli ruberei il colpo di testa e le tempistiche in area: è un vero assassino".

LA SCELTA DI VENIRE AL MILAN - "Ho scelto il Milan perché mi è piaciuta la convinzione con cui sono venuti a cercarmi e la convinzione nel loro progetto. Inoltre Leonardo, Maldini e Gattuso conoscono benissimo il Milan ed Elliott ha fatto un grandissimo sforzo per me. Ho apprezzato moltissimo l’approccio avuto per prendermi. Al Chelsea mi voleva solo l’allenatore.Il Milan mi ha dato qualcosa in più dopo un Mondiale non esaltante, ho trovato quello che stavo cercando."

L'OBIETTIVO DI QUESTA SQUADRA - "Il mio obiettivo è riportare la squadra in Champions, fare più gol possibili, vincere l’Europa League e la Coppa Italia. Per il campionato ci manca qualcosa, è una competizione in cui serve continuità. Se non siamo attaccati alla Juve è per errori nostri, abbiamo perso cinque punti con Napoli e Atalanta. Con questi punti e gli eventuali contro il Genoa nel recupero, saremmo a soli 4 punti dalla Juventus. La verità è che se crediamo nei nostri mezzi non siamo inferiori a nessuno”. 

GATTUSO ED IL SUO AMORE PER IL CALCIO E PER IL MILAN - "Rino ha qualcosa di diverso, ti guarda in faccia e senti quanto ama il calcio. Lui sta provando a tirarmi fuori il meglio, e apprezzo molto chi fa così con me. La squadra sta dalla sua parte. È una persona molto intensa, che muore per suoi giocatori."

VAVEL Logo