Genoa, Juric - "L'Inter ha fatto il salto di qualità, non sono un ex"
Twitter.com (@GenoaCFC)

Genoa, Juric - "L'Inter ha fatto il salto di qualità, non sono un ex"

Ha parlato mister Juric in occasione della vigilia del match contro l'Inter

loreschirru
Lorenzo Schirru

Partita importante per il Genoa e Ivan Juric che affronteranno l’Inter di Luciano Spalletti a San Siro, nell’anticipo delle 15:00 dell’11a giornata di Serie A. Ha parlato l’allenatore dei rossoblù in conferenza stampa.

IL MOMENTO - “Questo non era un ritiro, semplicemente non volevamo fare troppi viaggi. Il Genoa sapeva che aveva un calendario terribile perché giochiamo a e abbiamo giocato contro squadre terribili. Gli avversari sono abituati a questi ritmi mentre per noi è un po’ più problematico. Qualche cambio ci sarà tra le nostre file”.

L’AVVERSARIO - “Sarà molto più dura contro l’Inter che ha fatto passi in avanti nel gioco ma anche grazi all’arrivo di giocatori nuovi e forti. Hanno fatto il salto di qualità rispetto al passato, basti pensare al match contro la Lazio nella padronanza del campo ma è stato ampiamente dimostrato anche nel derby

CHIAVE DI CONTRASTO - “Come si contrasta la padronanza dell’Inter? Da dietro sono cresciuti molto, sviluppano molto bene e se facciamo il passo sbagliato loro escono facile e si rendono molto pericolosi; bisogna essere prima bassi e poi alti, né troppo alti e nemmeno troppo bassi”.

LA SQUADRA - “Sandro è un’opzione, lo possono fare in tanti quel ruolo tra cui Sandro stesso. Piatek potrebbe avere un turno di riposo ma solo se lo decido io. Criscito mancherà per squalifica e Gunter potrebbe sostituirlo anche se quello non è il suo ruolo naturale. Ma ha fatto buoni match a livello di gioco e di attenzione e mi ha dimostrato di poteri contare su di lui. La squadra ha fatto una bella partita contro il Milan e perdere in quel modo mi brucia molto. Abbiamo ampi margini di miglioramento e mi dispiace per il punto che non siamo riusciti a prenderci. Dobbiamo cercare di fare una partita super”.

MATURITA’ - “Sia Piatek che Kouame sono giovani, due attaccanti forti, ed è normale che qualcuno non segni in ogni partita. Tutti stanno bene e devono dimostrarmi che non si ripetano gli errori visti nelle partite precedenti; un percorso di maturazione passa da momenti simili. Un portiere come Radu deve accettare di aver fatto degli errori perché è all’interno di un percorso di crescita importante che prima o poi passa per ogni giocatore. Per aver disputato esclusivamente partite di B, Radu ha tanta qualità. Pandev è un’opzione per domani e se ci sarà un calcio di rigore penso che lo debba tirare un attaccante. Non mi sento un ex dell’Inter”.

VAVEL Logo