Coppa Italia- Il Torino batte il Sudtirol 2-0 e si regala la Fiorentina

Coppa Italia- Il Torino batte il Sudtirol 2-0 e si regala la Fiorentina

Entella che elimina il Genoa ai rigori e sfiderà la Roma negli ottavi. Esonerato Juric, arriva Prandelli

francesco-bruni
Francesco Bruni

Il Torino contro il Sudtirol per dare un senso alla stagione della Coppa Nazionale e per centrare un obiettivo della stagione e prepararsi alla sfida con il Milan. Mazzarri da massima fiducia a Zaza e Soriano, con Edera e Berenguer titolari e si rivede Lyanco. Sudtirol con Procopio, primavera Toro in campo e Vinetot, ex Crotone, in difesa tra i nomi noti.

CRONACA DELLA PARTITA

Partita che chiudeva il quarto turno della Coppa Italia. Alle 18 il Genoa è stato eliminato dall'Entella ai rigori con conseguente esonero di Juric ed arrivo di. Al Grande Torino partita che parte in equilibrio, i granata fanno possesso palla e gli ospiti si chiudono compatti. 9' Baselli tenta la conclusione, ma palla alta. 11' risposta ospite con Mazzocchi, ma stesso epilogo del tiro precedente. Al 17' Costantino in contropiede, ma palla che termina larga. Al 24' cambia tutto: Soriano porta in vantaggio il Toro con una deviazione di Casale sulla sua conclusione. 31' ancora granata pericolosi con Edera, palla larga. 43' proteste ospiti per un presunto rigore a favore per leggera spinta di Bremer, ma arbitro non concede massima punizione.

Nella ripresa, parte bene il Torino con Berenguer, ma intercetta il portiere ospite. Lo spagnolo si dimostra il più pericoloso e Vinetot rischia l'autorete. 65' Turchetta, il più pericoloso dei suoi, tenta il cross, ma bravo Lyanco a spazzare. Al 73' annullato gol al Sudtirol per fuorigioco, ma con parecchi dubbi a riguardo. All'81' contropiede di Berenguer, servito Edera che insacca un bellissimo diagonale. Il Torino vola agli ottavi, dove incontra la Viola di Pioli. Ottimo Sudtirol che si dimostra squadra davvero interessante, giovane e con grande futuro davanti. L'Entella, rapace a Marassi contro il Genoa, affronterà la Roma all'Olimpico per continuare a sognare.

VAVEL Logo