Udinese - Nicola: "Ora dobbiamo anche proporre, con il Frosinone è molto importante"
Davide Nicola. Fonte: Davide Marchiol

Udinese - Nicola: "Ora dobbiamo anche proporre, con il Frosinone è molto importante"

Queste le parole di mister Nicola in conferenza stampa.

mech867
Davide Marchiol

Dopo la sconfitta di misura rimediata contro l'Inter al Meazza, l'Udinese si prepara a tornare in casa propria e allo Stadio Friuli arriva il Frosinone penultima. Una partita di quelle che non si possono sbagliare, perchè una debacle contro la penultima renderebbe la lotta per non retrocedere ancora più bollente. Mister Nicola in conferenza stampa dà il giusto peso alla partita.


Dopo i miglioramenti nell'organizzazione difensiva ci si aspetta anche qualche progresso in fase propositiva: "Assolutamente sì, ma c'è già stato contro l'Inter. Ci siamo concentrati sull'interpretazione del modo di stare in campo, in parte sono stato anche soddisfatto. È normale che il nostro processo di crescita deve prevedere più minutaggio in cui riusciamo a costruire gioco. Venivamo da 4 partite molto impegnative, ora ce ne sono tre in pochi giorni. In settimana sono stato soddisfatto dei rientri, sono fiducioso e la voglia di crescere è fondamentale".


Inizia un filotto di partite sulla carta da punti, ma dopo quattro sfide contro compagini della metà sinistra della classifica, questo per Nicola è il primo scontro diretto da allenatore dell'Udinese: "Ritengo che tutte e tre le prossime siano importanti, ma che la più importante sia sempre quella successiva. Non do un peso a una partita rispetto all'altra, ma voglio fare risultato contro chiunque. Questo deve dare un'idea della competitività che dobbiamo avere. Ripeto, sono fiducioso perché ho visto la squadra muoversi con l'intensità che piace a noi. Questa partita ci regala delle opportunità, noi siamo qui perché vogliamo diventare bravi. Io, i miei ragazzi, la società. Però dobbiamo farlo con serenità: l'errore ci sarà sempre. La differenza è capire che si può rimediare a qualsiasi errore, interpretando la partita nel modo giusto".

Il Frosinone ha cambiato allenatore dopo la sconfitta con il Sassuolo: "È sempre un aspetto emotivo per una squadra, è come se si dicesse ai giocatori 'ora vediamo cosa sapete fare'. Può creare più concentrazione e attenzione, però da parte nostra è l'opportunità di lavorare sul problem solving. Non possiamo sapere come arriverà il Frosinone, possiamo solo prevederlo e poi affrontare le situazioni per crescere. Voglio vedere i progressi che abbiamo fatto".


L'infermeria inizia a svuotarsi: "Penso a Balic, Barak, purtroppo non ancora Lukasz: stanno crescendo di livello. Ci sono tre partite e abbiamo quattro diffidati: ora tutti sanno che sono importanti, ma è stata questa la nostra filosofia dal primo minuto. Conta il campo, conta ciò che si dimostra in campo. Se riusciamo a essere uniti, consapevoli delle opportunità per un primo bilancio, possiamo crescere e divertirci".


Dopo il solido 5-3-2 si sono visti altri moduli in corsa, forse la squadra è pronta a cambiare più schemi in corso d'opera: "La squadra è pronta per riconoscere alcuni adattamenti in funzione dell'avversario. Lo staff è pronto, nella conoscenza dei giocatori, anche per vedere alcuni adattamenti, magari nello stesso ruolo ma con interpretazioni diverse. Ogni allenamento viene fatto in questa funzione: non possiamo stravolgere il modo di stare in campo, ma affinarlo e farlo meglio a seconda delle situazioni. Abbiamo concentrato l'attività su noi stessi, dobbiamo migliorare ancora alcune cose".


È la prima partita in cui forse bisognerà tenere il pallino del gioco: "Vuol dire mantenere il controllo della palla, ma anche togliere spazi, cercare di stanare gli altri. La partita si può fare in molti modi, l'importante è riconoscere le situazioni che si verificano in campo. Non sappiamo come il Frosinone verrà qui, però abbiamo previsto i due modi che possono esserci: possono essere più attendisti o venire come sempre ha fatto. In parta la compattezza è nel loro DNA, in parte dobbiamo essere bravi a sfruttare gli spazi che si potranno creare. All'avversario potremo adattarci, ma sarà importante fare quello che vogliamo fare noi".


L'Udinese non è abituata alla lotta per non retrocedere e alla lunga potrebbe essere un problema: "Io credo che negli ultimi tre anni non possa essere considerato molto difficile. Vuoi per i continui cambi, vuoi per il fatto che non si è lottato per posizioni diverse. Io penso che non si possa fare a meno di lottare per posizioni diverse, a prescindere dai valori e dagli obiettivi. Mi sono voluto mostrare come sono ai miei ragazzi, far vedere quello in cui credo. Dobbiamo essere consapevoli che eravamo terzultimi, se dopo tre partite molto difficili siamo ancora lì, vicini ad uscirne ma ancora dentro la zona rossa, non possiamo smettere di lottare. Poi si può sbagliare o si può riuscire, possiamo fare 9 punti o meno. Non importa: la grande qualità di una squadra è quella di non essere schiavi delle situazioni, ma chiedersi cosa si può fare e darsi da fare".


Nelle ultime due partite è stato riscoperto D'Alessandro come quinto di cnetrocampo, il suo esempio potrebbe stimolare anche gli altri: "Io penso e sapevo di trovare un professionista, perché lo conoscevo. Non aveva avuto molto spazio, ha una duttilità tattica incredibile e un'estrazione che gli permette di fare quel ruolo lì in maniera difensiva od offensiva. Chiaramente non farà mai il difensore centrale. È stato bravo nel farsi un esame di coscienza e ci ha dato una grandissima disponibilità, poi la differenza l'ha fatta cosa ha fatto in campo. Si può parlare molto bene, poi contano le azioni. Marco sta facendo questo. Io credo che, oltre alla duttilità, possa fare molto di più. E sta crescendo".


Sono rientrati dall'infortunio Balic e Barak, che Nicola non ha mai avuto a disposizione, potrebbero rappresentare delle armi tattiche in più: "Andrij è molto più avanti rispetto ad Antonin come condizione fisica. In queste tre partite si aspetta di poter essere utile, è un giocatore che secondo me ha un'abilità tecnica che gli consente di fare due ruoli, o il play o la mezzala abile negli spazi. Questo può farlo tranquillamente, quello che deve fare individualmente è quello che sta facendo. Cioè chiedersi cosa vuole dalla sua carriera, ci sta dando una grande disponibilità e penso che una volta chiamato in causa possa darci molto. Antoni ha qualità già dimostrate in passato, ora arriva da un infortunio e non ha ancora tanta forza o potenza, deve ancora migliorare, però ho un'idea di quell'Antoni. Lo stiamo aiutando a mettersi in condizione e quando sarà chiamato in causa dovrà dimostrare le sue qualità. Quando pensi di non farcela la tua realtà diventa ciò che pensi. Noi stiamo lavorando su due obiettivi: maturare in campo e aiutarli anche fuori".

VAVEL Logo