Fiorentina, parla Iachini: "Sono arrivato in una situazione anomala. Presto vedremo il vero Chiesa"
https://twitter.com/acffiorentina

Domani la Fiorentina sarà impegnata contro il Bologna alle 12.30 ed in panchina ci sarà l'esordio di Beppe Iachini dopo l'esonero di Vincenzo Montella.

TIFOSI E L'ACCOGLIENZA - "Mi ha fatto molto piacere l’accoglienza di così tanta gente, li ringrazio dell’affetto che c’è sempre stato... Noi cercheremo sul campo tramite il lavoro quotidiano di presentare un gruppo che renda orgogliosi i tifosi". 

IL BOLOGNA - "Sinisa ha fatto un grande lavoro, il Bologna è sua figlia per l'atteggiamento che ha: le conoscenze nel calcio sono molto importanti".

MIGLIORAMENTO - "Abbiamo iniziato a mettere dei mattoni e abbiamo buoni margini di miglioramento sotto tutti i punti di vista: piace che la squadra sappia cosa deve fare in campo, sia con possesso che senza".

ASPETTO FISICO - "Sotto l’aspetto fisico chiedo delle cose alle mie squadre e per arrivare a quel punto, devo programmare un determinato lavoro, ovviamente non raggiungibile nel giro di poche settimane.  Devo mettere mattoni settimana dopo settimana per non far danni e portare alla squadra benefici".

FEDERICO CHIESA - "Appena sono arrivato alla vigilia ho parlato con lui: gli ho subito detto quello che volevo e lui mi ha dato grande disponibilità.. Presto vedremo il Chiesa che conosciamo, nel gruppo è integrato al 100% e sono fiducioso che presto ritroverà smalto e ci darà una mano".

SU COSA LO HA COLPITO DELLA SQUADRA - "Mi ha sorpreso il fatto che si è detto che si è lavorato tanto: be' questa deve essere la normalità... Noi dobbiamo stare un'ora e mezzo in partita e dobbiamo arrivare alla fine come se poi dovessimo iniziarne un'altra: stiamo lavorando normalmente". 

IL MERCATO - "E' giusto che di mercato ne parli la società: io devo pensare al campo, c'è tanto da fare per indirizzare i ragazzi. Il club sa cosa bisogna fare per rendere la squadra più omogenea e più competitiva secondo le mie idee di calcio".

VAVEL Logo