Sampdoria-Genoa rinviata, le parole dei protagonisti

I protagonisti delle due squadre hanno parlato ai microfoni delle televisioni, esponendo i motivi del rinvio della gara.

Sampdoria-Genoa rinviata, le parole dei protagonisti
Sampdoria-Genoa rinviata, le parole dei protagonisti

Sampdoria-Genoa è appena stata rinviata ed i protagonisti della gara, due per parte, sono intervenuti ai microfoni delle emittenti televisive per spiegare i motivi di tale decisione. Ecco le loro parole. 

Nicolas Burdisso, capitano del Genoa, ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium del rinvio del Derby della Lanterna: "Mi è sembrata giusta la decisione dell'arbitro perché una prima visione poteva essere sbagliata. Non eravamo così sicuri, sarebbe stato bello giocare ma anche dopo abbiamo visto che non si poteva. C'è grande rammarico ma è la cosa migliore per i tifosi di calcio. Noi non volevamo giocare, perché abbiamo fatto un riscaldamento difficile e ci sembrava impossibile giocare. Il terreno era impraticabile, poi era normale aspettare altri 15 minuti".

Il Presidente del Genoa Enrico Preziosi è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, facendo eco alle dichiarazioni di Burdisso: "Il rinvio è stato giusto perché le condizioni del campo non permettevano di giocare la gara. Quando recuperare? Noi stiamo proponendo di recuperarla lunedì, il regolamento dice domani ma l'ordine pubblico dice che non riesce a reperire gli uomini per coprire l'evento. Credo che alla fine si farà lunedì e la Sampdoria potrà giocare la prossima gara di domenica anziché di sabato. Perché non erano presenti i teloni a coprire il terreno di gioco? Sono questioni tecniche e non so rispondere, non so se con quelli poi alla fine si sarebbe potuto giocare".

Anche il capitano della Samp Angelo Palombo è intervenuto ai microfoni di Sky: “Decisione giusta il rinvio? Si, sicuramente l’unica cosa che dispiace è per i nostri tifosi. Avevano preparato tante cose, la coreografia. Così gli abbiamo lasciato un po’ di amaro in bocca. Alcuni tifosi volevano che si giocasse e gli abbiamo spiegato che non era possibile. Però, non è dipeso da noi. A giocare avremmo rischiato molto e di fare male a qualcuno. E’ stata un saggia decisione. I teloni? Secondo me non si aspettavano tutta questa pioggia, anche se è vero che qui, come altrove, il campo non è dei migliori e negli ultimi anni la situazione è peggiorata. Bisognerebbe essere più pronti. Speriamo che il derby si possa giocare in una data accettabile. Su Eto’o che sarebbe dovuto andare in tribuna? Oltre il mio commento, ti dico la verità. Ha avuto un risentimento muscolare e il mister ha deciso di tenerlo fuori. Non c'è alcun caso Eto’o e non c'è mai stato. Sappiamo che è un giocatore che ci potrà dare una grossa mano perché è un campione e ha dei colpi che nessuno nella nostra squadra ha. Speriamo che si possa rimettere presto. Eto’o si è subito messo a disposizione del gruppo, senza far pesare il suo nome. Un ragazzo molto umile, non parla molto però, ma quando parla si vede che sà quello che deve dire e fare”.

Molto più polemico l'intervento di Emiliano Viviano“Non si poteva giocare? Certo, non è mica una partita di pallanuoto. Forse questa situazione si poteva prevenire. Se continua a piovere così, non sono nemmeno convinto che si possa giocare domani”. Il portiere era intervenuto poco dopo il rientro in campo delle due squadre.