Roma-Napoli, le ultime dai campi e le probabili formazioni

Domani alla mezza si gioca il primo anticipo della giornata di Serie A, che coincide anche con la partita di cartello del programma. All'Olimpico si gioca per una grande fetta di qualificazione alla Champions del prossimo anno. Due squadre in difficoltà cercano di uscire dalla crisi: ecco le probabili formazioni.

Roma-Napoli, le ultime dai campi e le probabili formazioni
Roma-Napoli, le ultime dai campi e le probabili formazioni

Ventiquattro ore. Manca esattamente un giorno (un'ora in più) e poi sarà Roma-Napoli. La gara di cartello della ventinovesima giornata del campionato di Serie A offre un aperitivo dell'ora di pranzo da gustare e assaporare fino in fondo, per vedere sia chi uscirà dalla crisi, ma anche per capire quale delle due squadre è più attrezzata per rincorrere un poso in Champions. 

La Roma di Garcia parte da un rassicurante vantaggio in classifica (+6), che potrebbe far giocare i giallorossi per due risultati su tre. Tuttavia, la Roma corre anche sulla Lazio, ad una lunghezza di distanza dai cugini di Trigoria, e soffia col proprio fiato sul collo dei romani, obbligati dunque a vincere. La maledizione Olimpico sembra però condannare la squadra di Garcia, che non vince in casa in pratica da quasi un girone fa. Le ultime due vittorie sono arrivate a Cagliari e Cesena, che però non hanno messo fine ad una serie infinita di pareggi e delusioni che caratterizzano il campionato e la stagione in generale dei giallorossi. 

Il Napoli di Benitez, invece, arriva da una brusca frenata nell'ultimo mese, dopo una rincorsa tra gennaio e febbraio che sembrava essere decisiva ai fini del raggiungimento del secondo posto. Un calo che potrebbe anche essere fisioliogico, dovuto ad una preparazione mirata a chiudere al meglio i due mesi che ci separano dalla fine delle ostilità stagionali, che vedono i partenopei impegnati su tre fronti e in tutti e tre i casi, da protagonisti. Tuttavia, l'obiettivo dichiarato è quello del secondo posto, che garantirebbe continuità al progetto De Laurentiis (con o senza Benitez) attraverso i ricavi e gli introiti della Champions. 

ROMA - Garcia deve fare a meno di Keita e Gervinho ma ciò che preoccupa maggiormente il francese è la condizione di Totti, che dovrebbe recuperare, ma al massimo per la panchina e per qualche sprazzo in campo pur sempre in condizioni non perfette. In attacco si va verso il tridente Ibarbo-Ljajic-Florenzi (favorito su Iturbe), con quest'ultimo che potrebbe slittare in luogo di Torosidis qualora Garcia decidesse per un atteggiamento meno attendista. A centrocampo scelte obbligate con Pjanic, De Rossi non al meglio e Nainggolan. In difesa Astori favorito su Yanga-Mbiwa, in coppia con Manolas, con Torosidis e Holebas ai lati.

NAPOLI - Benitez deve fare a meno di Inler squalificato, ma ha recuperato Gargano anche se non si esclude la presenza di Jorginho in coppia con Lopez come all'andata. In attacco i ballottaggi che lo spagnolo scioglierà soltanto nell'immediata vigilia del match: Callejon dovrebbe partire quasi sicuramente, Gabbiadini si gioca un posto centralmente con Hamsik, mentre a sinistra Mertens sembra in vantaggio su De Guzman, alle spalle di Higuain (tornato ieri dagli Stati Uniti in forma e arruolabile). In difesa confermati Maggio, Albiol, Koulibaly e Ghoulam, con l'oramai solita presenza tra i pali di Mariano Andujar. 

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Manolas, Astori, Holebas; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Ibarbo, Ljajic, Florenzi. All. Garcia

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Lopez, Gargano; Callejon, Gabbiadini, Mertens; Higuain. All. Benitez

Per l'occasione è stato scelto il miglior arbitro italiano, Rizzoli, che torna ad affrontare il Napoli dopo le sue dichiarazioni al veleno contro i partenopei in occasione dell'ultima, contestatissima, partita contro l'Atalanta prima della sosta per le Nazionali.