Serie A, 29° giornata: spicca il big match dell'Olimpico, nel pomeriggio Fiorentina - Sampdoria

Analizziamo il programma della 29sima giornata di Serie A, che si caratterizza per il concentramento delle partite in un solo giorno viste le imminenti festività pasquali.

Serie A, 29° giornata: spicca il big match dell'Olimpico, nel pomeriggio Fiorentina - Sampdoria
Una giornata pasquale

La 29a giornata di Serie A si caratterizza per il modo in cui si sviluppa, infatti tutte le partite si giocano nella giornata di Sabato viste le imminenti festività pasquali.

Questo turno sarà molto elettrizzante, infatti ad aprirlo ci sarà un Roma - Napoli tutto da seguire. Alle 15 andranno in scena H. Verona - Cesena, Sassuolo - Chievo, Cagliari - Lazio, Palermo - Milan, Inter - Parma, Atalanta - Torino Genoa - Udinese. Alle 18:30 si affronteranno al "FranchiFiorentina Sampdoria. Chiude la giornata il match tra Juventus ed Empoli.

Ma andiamo con ordine ed analizziamo ogni singolo match in programma:

ROMA - NAPOLI - Una partita decisiva per entrambe le formazioni. Non sono ammessi errori da entrambe le squadre, da ora si è entrati nella fase decisiva della stagione e quindi non si può sbagliare. Dalle due squadre si aspetta grande equilibrio, agonismo, ma anche spettacolo visti i 22 che scenderanno in campo. Si prevede anche un match molto tattico vista la cura del dettaglio che accomuna i due allenatori Benitez Garcia. In caso di sconfitta per i giallorossi sarebbe un duro colpo, non solo perchè rischierebbero di subire il sorpasso dei cugini laziali ma anche perchè spegnerebbe tutto l'entusiasmo ricreatosi dopo la vittoria col Cesena. Per i partenopei un insuccesso comporterebbe il dover puntare tutto sulle altre due competizioni ancora in gioco, in particolare l'Europa League. In caso di vittoria invece per gli uomini di Garcia vorrebbe dire eliminare una diretta concorrente per il secondo posto, mentre per la squadra azzurra i tre punti sarebbero fondamentali per continuare a sperare nella conquista di un posto che vale l'accesso alla prossima Champions League. Sarà una partita sentita non solo sul campo ma anche sugli spalti visto quanto accaduto lo scorso 3/5 e la speranza è che episodi del genere non accadano più.

HELLAS VERONA - CESENA - In questa sfida l'unico imperativo è vincere: i gialloblù devono proseguire la loro fuga dalla zona retrocessione, mentre i romagnoli vogliono provare ad avvicinarsi a quel miraggio chiamato salvezza

SASSUOLO - CHIEVO - E' una partita tra due belle squadre, ben allenate e che praticano un gran bel calcio, non a caso entrambe hanno disputato fino ad ora una stagione al di sopra delle aspettative. Senza le pressioni di classifica ne può uscire un match davvero spettacolare.

CAGLIARI - LAZIO - Senza alcun dubbio una delle sfide più intriganti della giornata. Sono due squadre che si trovano in posizioni diverse di classifica ma nonostante ciò hanno sempre mantenuto una precisa identità di gioco senza mai snaturarla. Sarà Zeman contro Pioli e quindi non conteranno i rispettivi obiettivi di salvezza e secondo posto ma solamente chi saprà concretizzare la grande mole di gioco che verrà proposta.

Il Torino scende in campo a Bergamo. Da una parte i granata, pronti a scoccare una freccia nella corsa, difficile, all'Europa, dall'altra l'Atalanta, al momento non rivitalizzata dall'avvento di Reja. Completano il quadro le due milanesi. L'Inter, reduce da una serie negativa, ospita il Parma, ormai retrocesso e in attesa di conoscere il futuro, mentre il Milan, a Palermo, deve dare continuità al successo con il Cagliari. Entrambe covano reconditi sogni di rimonta, ma al momento la classifica non consente voli pindarici. 

Alle 18, l'incontro più divertente della 29° giornata. Al Franchi, di fronte Fiorentina e Sampdoria. Due allenatori preparati, una dose abbondante di buon calcio, idee e programmazione. L'entusiasmo blucerchiato sprigionato dal presidente Ferrero e la qualità dei gigliati, capaci di ricostruirsi di fronte ad eventi e infortuni. In palio, a Firenze, una fetta di stagione, chi esce con la posta può puntare in alto. 

Chiude la Juventus di Allegri. Di fronte all'Empoli di Sarri, la Signora punta a ottimizzare lo sforzo. Turnover moderato, alcuni big acciaccati a riposo, visto l'imminente ritorno della Champions, spazio a seconde linee fino ad ora poco utlizzate. Sarri osserva l'orizzonte e sente profumo d'occasione, l'Empoli se la gioca, come sempre.