Maradona: "Mio padre era il mio idolo"

Maradona parla per la prima volta dopo la scomparsa del padre.

Maradona: "Mio padre era il mio idolo"
MARADONA

Diego Armando Maradona ricorda "Don Diego", il padre scomparso la settimana scorsa in un clinica di Buenos Aires per problemi cardiaci e respiratori, e confida che senza l'aiuto del padre probabilmente lui non sarebbe stato nessuno. "Diego è migliore come figlio che come calciatore", diceva suo padre di lui. 

"Mio padre ha sempre lavorato per sfamare la famiglia - racconta il fuoriclasse argentino - È la persona più bella che ho incontrato nella mia vita. Era un combattente, nato a Corner, nel Corrientes, dove è stato barcaiolo. Poi con mamma si sono trasferiti a Buenos Aires a lavorare, con casa a Azamor Fiorito. Lavorava nell'azienda di macinazione Tritumol, dalle quattro del mattino fino alle tre del pomeriggio. Erano tempi difficili, eravamo otto figli. Ero già consapevole della povertà. Quando ero piccolo, mi piaceva dormire appoggiando la testa sulla pancia del mio vecchio per ascoltare il suo. Ton, ton, ton, faceva e io dormivo serenamente, perché sapevo che lui si sarebbe preso cura di me".

"Quando è morta mamma non sono riuscito a star lì con lei in quel momento, non voglio che possa riaccadere. Abbiamo fatto i turni giorno e notte tutti noi figli, Ana Maria Rita (Kitti), Elsa (Lili), Rosa Maria (Maria), Raúl (Lalo), Hugo e Claudia (Lali). Sarà un ricordo indelebile. Purtroppo è finita male, ma lui ora è in pace e raggiungerà mamma Tota".