Serie B, Avellino - Brescia 3-3: irpini e lombardi si dividono la posta in palio

Gol, spettacolo ed emozioni hanno fatto da contorno all'anticipo dell'ottava giornata del campionato di Serie B. Gli irpini prima vengono raggiunti 2 volte e poi riescono ad agguantare il pareggio con Bastien.

Serie B, Avellino - Brescia 3-3: irpini e lombardi si dividono la posta in palio
Avellino
3 3
Brescia
Avellino: Frattali; Nica, Rea, Ligi, Visconti; D'Angelo (Bastien, min.62), Jidayi, Arini; Insigne (Zito, min.85); Tavano (Mokulu, min.62), Trotta.
Brescia: Minelli; Venuti, Caracciolo Antonio, Coly, Castellini; Martinelli, Mazzitelli; Kupisz, Abate (Caracciolo, min.68), Embalo (Rosso, min.56); Geijo (Dall'Oglio, min.72).
SCORE: 1-0, min. 3, Arini. 1-1, min. 40, Geijo. 2-1, min. 48, Insigne. 2-2, min. 54, Kupisz. 2-3, min. 58, Kupisz. 3-3, min. 64, Bastien.
ARBITRO: Eugenio Abbattista (ITA). Admonished Coly (min. 31), Mazzitelli (min. 37), Mokulu (min. 76), Nica (min. 78)

Una partita bellissima, giocata senza tatticismi da due squadre che hanno voluto sfidarsi mettendo in mostra tutto il proprio potenziale tecnico. Da questo punto di vista Tesser e Boscaglia non potranno che esserne felici, ma riguardo alle rispettive fasi difensive ci sarà molto su cui lavorare in settimana. I protagonisti della sfida sono stati sicuramente Insigne e Kupisz che grazie alle proprie velocità e qualità non hanno mai dato punti di riferimento alle difese avversarie. Considerando la classifica sono sicuramente 2 punti persi per l'Avellino che doveva vincere per mettere alle spalle il momento negativo e soprattutto risalire dalla 19a posizione in cui si trova ora. La formazione di Tesser in 8 partite ha accumulato appena 6 punti, mentre la squadra di Boscaglia ben 10. Nel complesso il risultato è assolutamente giusto, considerando che la sfida nei 90 minuti è stata molto equilibrata. A recriminare maggiormente sono i padroni di casa che si sono fatti raggiungere due volte, ma anche gli ospiti, dopo aver trovato il vantaggio non sono riusciti a difenderlo. 

Pronti, via e l'Avellino passa in vantaggio con Arini, bravo a finalizzare sul secondo palo un cross col contagiri di Trotta. All'8 Antonio Caracciolo stacca di testa su azione d'angolo ma Frattali blocca senza problemi. Insigne vince un contrasto aereo e serve Tavano, il quale assiste Trotta che di controbalzo calcia a lato. Al 17' Insigne scappa via sul filtrante di Trotta ed una volta arrivato al limite dell'area lascia partire un tiro che sfiora i pali della porta bresciana. Al 25' gli ospiti conquistano una punizione ai 20 metri, la batte Embalo che però calcia male. Mazzitelli aggancia un pallone al limite dell'area e tira ma la sfera finisce oltre la traversa. Al 28' si rifà in avanti l'Avellino che con Arini va alla conclusione, però Minelli respinge bene. Insigne avanza palla al piede e calcia, il pallone sfiora il palo sinistro della porta avversaria. Botta e risposta continuo: Venuti crossa dalla destra, Abate si avventa sulla sfera ma il suo colpo di testa è impreciso. Al 41' il Brescia giunge al pareggio con Geijo, il quale approfitta di una mischia in area per depositare il pallone in rete. Ad un minuto dall'intervallo prima D'Angelo e poi Trotta provano la conclusione ma sulla loro strada trovano uno strepitoso Minelli. Primo tempo dall'alto tasso tecnico e che ha maturato un risultato assolutamente giusto considerate le prestazioni delle due squadre nei primi 45 minuti.

La seconda frazione si presenta esattamente come la prima: Trotta va via sulla destra e crossa, il pallone giunge ad Antonio Caracciolo che devia involontariamente verso Insigne, il quale non ha problemi ad insaccare. Al 50' D'Angelo arriva su un cross dalla sinistra ma la sua conclusione viene ribattuta provvidenzialmente da Embalo. Al 54' il Brescia riagguanta nuovamente l'Avellino: Mazzitelli vede smarcato Kupisz che calcia, il pallone s'infila nell'angolino dove Frattali non può arrivare. Occasione per il nuovo vantaggio irpino al minuto 58: Coly perde un banale pallone al limite della propria area di rigore, ne approfitta Nica che tira sul primo palo, ma la mira è leggermente imprecisa. Una legge non scritta del calcio dice "gol mangiato, gol subito" ed è così che il Brescia su capovolgimento di fronte si porta in vantaggio: Rosso crossa sul secondo palo dove trova Kupisz che da due passi non può sbagliare. Al 60' gli ospiti hanno l'opportunità di chiudere la partita: Antonio Caracciolo stacca di testa su cross di Mazzitelli ma Frattali risponde presente. Strepitosa azione di Bastien che al 64' riporta il match in parità: il centrocampista irpino slalomeggia nella difesa avversaria ed entra nell'area di rigore, davanti a Minelli ha la freddezza di depositare il pallone in rete. Al 69' occasione per il poker avellinese: Insigne s'invola sulla sinistra e crossa, Mokulu arriva sul pallone ma colpisce il palo. Sono ancora i padroni di casa a rendersi pericolosi: Insigne crossa sulla testa di Trotta che da pochi metri mette fuori. Nei minuti di recupero Caracciolo anticipa tutti di testa su cross di Coly ma Frattali respinge in maniera perfetta. Finisce 3-3 al "Partenio - Lombardi".