Ed il Brescia espugnò Vicenza...

Prestazione maiuscola degli ospiti, usciti vincenti da una gara non facile. Un Caracciolo d'annata ammazza le speranze di mister Marino.

Ed il Brescia espugnò Vicenza...
VICENZA
0 0
BRESCIA
VICENZA: Vigorito; Sampirisi, Mantovani, El Hasni, D'Elia; Gagliardini, Modic (Urso, min. 63), Cinelli; Galano, Raicevi, Giacomelli.
BRESCIA: Minelli; Camilleri, Caracciolo, Lancini, Coly; Martinelli (H'Maidat, min. 59), Mazzitelli, Kupisz, Embalo, Morosini (Geijo, min. 64); Caracciolo (Dall'Oglio, min. 81).
SCORE: 0-1, min. 21, A. Caracciolo. 0-2, min. 29, A. Caracciolo. 1-2, min. 46, Raicevic.
ARBITRO: Marco Serra (ITA). Ammoniti: El Hasni (min. 8), Morosini (min. 10), Modic (min. 31), Kupisz (min. 41), Martinelli (min. 58), Raicevic (min. 85), Camilleri (min. 89)

Vittoria importante del Brescia in casa del Vicenza: Doppio Caracciolo e Raicevic i marcatori. Padroni di casa scesi in campo con un offensivo 4-3-3, per riscattare le ultime brutte prestazioni, a cui risponde il 4-2-3-1 bresciano, più coperto ed equilibrato. Spicca, per i lombardi, l'assenza di Geijo. Gara bloccata e molto fallosa nei primi minuti di gara, con l'arbitro Serra impegnato a mantenere placati gli animi. Prima vera occasione della gara al 14', con Giacomelli vicino al gol. I padroni di casa decino di spingere e, tre minuti dopo, impegnano Minelli in una super Parata. Per un assurdo gioco del destino, però, è il Brescia a segnare: ventesimo minuto, gran giocata di Caracciolo che si gira e piazza di destro un bolide. Vicenza che quindi, stordito, comincia ad attaccare a testa bassa ed in maiera confusa, con le rondinelle che riescono però a reggere l'urto, passando anzi doppiamente in vantaggio al 29', con Caracciolo che approfitta del cross di Kupisz per bruciare sul tempo una difesa vicentina non propriamente attenta. Il gol è l'ultima azione di rilievo della prima frazione, con il Brescia abile ad addormentare la gara ed un Vicenza che invece non riesce a sfondare. Il primo tempo si chiude senza ulteriori minuti e con i fischi dei tifosi di casa ai propri giocatori. 

Secondo tempo che inizia subito in maniera emozionante, con il Vicenza che dimezza lo svantaggio grazie ad un gol di Raicevic al 46'. Incredibile la tenacia messa in campo dai padroni di casa, risoluti a non uscire sconfitti dal match senza lottare. Ci crede, il Vicenza, costantemente in avanti e vicino alla miracolosa rimonta al 56', quando Cinelli impegna il portiere bresciano con una bella conclusione. Brescia però ancora vivo e pericoloso, soprattutto grazie al guizzante Embalo, che al minuto cinquantanove pesca dal cilindro un bellissimo tiro all'incrocio che si stampa però sul palo. Conto dei legni che si pareggia al 73', con il colpo di testa di Gagliardini che si stampa sulla traversa.  Gara che si accende nel finale, con una serie di azioni distribuite simmetricamente da una parte e dall'altra: all'81' ci prova Raicevic, due minuti dopo H'Maidat impegna dal limite Vigorito. L'occasione più pericolosa del finale di gara è di Gatto, il cui colpo di testa finisce pochissimo a lato all'85'. Partita che termina dopo tre minuti di recupero, con i tifosi di casa impazziti. Brutto episodio dopo il normale periodo di gioco.

Vicenza ancora una volta uscito con le ossa rotte, Brescia che invece vola ormai in zona playoff. Le rondinelle hanno dimostrato solidità fisica e mentale, peculiarità imprescindibili per continuare a sognare. Embalo continua ad essere una spina nel fianco per le formazioni avversarie, Caracciolo sempre più decisivo uomo-simbolo. Crisi nera, invece, per il Vicenza: la compagine di Marino ormai è in piena lotta per non retrocedere, sono ormai lontani i tempi gloriosi dell'anno scorso. Migliore del match per il Vicenza, Raicevic. Per il Brescia non poteva non essere Caracciolo.