Il Verona pareggia a San Siro, Del Neri: "Risultato meritato. Le pressioni non fanno bene al Milan"

Il tecnico dei gialloblu al termine del match contro il Milan: "Abbiamo tutte le caratteristiche per dire la nostra per la salvezza".

Il Verona pareggia a San Siro, Del Neri: "Risultato meritato. Le pressioni non fanno bene al Milan"
Il Verona pareggia a San Siro, Del Neri: "Risultato meritato. Le pressioni non fanno bene al Milan"

A San Siro il Verona blocca sul pari (1-1) il Milan. Arriva il primo punto di Gigi Del Neri sulla panchina scaligera: e' stato Toni a firmare il pareggio su rigore, dopo il vantaggio siglato da Bacca poco prima. Gialloblu che hanno tirato fuori l'orgoglio e hanno costretto al pareggio una formazione decisamente superiore dal punto di vista tecnico.

Il tecnico dei gialloblu, Gigi Del Neri, ha commentato così il buon pareggio guadagnato, ai microfoni di Sky Sport: "Volevamo dare continuità a quanto fatto domenica scorsa con l’Empoli e contro il Milan, abbiamo dimostrato di avere tutte le caratteristiche per dire la nostra sull’obiettivo salvezza. L’infortunio di Gomez? Avevo solo quella soluzione, perché Pazzini era in panchina solo per far gruppo. Juanito (problema ai flessori, ndr) per me è un giocatore importante e spero di recuperarlo presto." Del Neri ha poi continuato: "Toni? Oggi ha sofferto meno la difesa più statica dell’Empoli rispetto a quella del Milan. La polemica di Mihajlovic sui gol annullati? Noi abbiamo fatto la nostra partita dimostrando di meritare il pareggio. Credo che il Milan dovesse vincere al dì là delle polemiche, anche noi se dobbiamo essere precisi, possiamo allora recriminare per una trattenuta netta su Toni in area di rigore nel primo tempo".

Anche Gollini, autore di un'ottima partita, ha parlato al termine: "È sempre stato il mio sogno giocare a San Siro. Il gol del Milan? Pensavo fosse in fuorigioco, poi è stato bravo lui a superarmi. Un pareggio comunque che ci dà morale, che tiene vive le nostre speranze di salvezza. Un punto importante anche perché siamo tornati a muovere la classifica dopo 43 giorni. Il cambio alla guida tecnica? C’era bisogno, ringrazio Mandorlini per la fiducia che mi ha dimostrato in passato ma ora la nostra mentalità è cambiata. Sino all’ultima giornata lotteremo per il nostro obiettivo":