Mancano i botti in questo calciomercato

Pochi acquisti di spessore, nessuna novità e big che non si rinforzano: che (mezza) delusione, questa sessione invernale! Tra tutte, i complimenti vanno al Latina per Mariga ed Uijkani. Curiosità per la Salernitana.

Mancano i botti in questo calciomercato
Mancano i botti in questo calciomercato

Al fotofinish, si rivedono le grandi. Dopo una sessione di mercato passata a sonnecchiare, infatti, anche le big hanno piazzato qualche colpo per rinforzare le proprie formazioni. Tra le squadre più forti, colpo piazzato dal Crotone, che si assicura le prestazioni di Di Roberto, talentuoso attaccante ex Pro pronto a dare il proprio contributo alla causa calabrese. Ingaggio a titolo definitivo, poi, dell'esterno Jakimovski da parte del Bari, un rincalzo importante per i titolarissimi di Campione. Dopo tanto inseguire, firma finalmente Pisano con l'Avellino, dopo l'esperienza inglese con il Bolton. Gli irpini si sono dimostrati vispi fino alla fine, opzionando anche il giovane Battipaglia, classe '97 prelevato dalla Salernitana.

Nella zona mediana del campo, rinforzo importante per il Brescia, che si assicura le prestazioni del calsse '92 Salifu, giocatore di prospettiva e prelevato dagli umbri del Perugia. Si rinforza anche il Pescara che rinforza il proprio pacchetto difensivo grazie all'ingaggio di Coda, esperto difensore prelevato in prestito dalla Samp. Sempre attivissima, come d'altronde ha fatto per tutta la sessione invernale, la Salernitana, che preleva Tounkara dal Crotone, giovane attaccante di proprietà però della Lazio. Ingaggio di Bolzoni, invece, per il Novara.

Un calciomercato poco emozionante a livello di colpi, ma ugualmente ricco di operazioni. I fuochi d'artificio sono mancati soprattutto tra le big, mentre c'è da registrare l'attivismo della compagini meno forti. Si stabilizza l'Avellino, per ovvie ragioni ha potuto rivoluzionare molto la Salernitana, infarcita di talentuosi giovani presi in prestito dalla Lazio. Tra tutte i complimenti vanno al Latina, mentre non si può che criticare la disastrosa gestione della Virtus Lanciano