Serie B: il Cagliari impatta a Trapani e si fa scavalcare dal Crotone

Rocambolesco 2-2 dell'ex capolista, sotto di due gol ma abile a rimontare nei minuti finali. Gara sottotono dunque per gli uomini di Rastelli, al terzo turno senza vittoria. Buona prova, infine, per i siciliani.

Serie B: il Cagliari impatta a Trapani e si fa scavalcare dal Crotone
TRAPANI
2 2
CAGLIARI
TRAPANI: Nicolas; Perticone, Pagliarulo, Scognamiglio; Eramo, Fazio, Nizzetto, Rizzato, Coronado (Coronado, min. 63); Citro (Montalto, min. 90), Petkovic.
CAGLIARI: Storari; Pisacane (Melchiorri, min. 46), Krajnc, Salamon; Balzano, Joao Pedro, Colobatto (Deiola, min. 51), Cinelli; Murru, Sau (Cerri, min. 67), Farias.
SCORE: 1-0, min. 5, Pagliarulo. 2-0, min. 7, Citro. 2-1, min. 48, Farias. 2-2, min. 92. Joao Pedro.
ARBITRO: Fabrizio Pasqua (ITA). Ammoniti: Pisacane (min. 15), Colombatto (min. 47), Citro (min. 61), Eramo (min. 61), Joao Pedro (min. 93), Petkovic (min. 95). Espulsi: Cosmi (min. 93).
NOTE: Match valido per la serie B 2015/16.

Il Cagliari impatta contro il Trapani, rimontando da 0-2 ma non concludendo l'opera. Brutta prestazione dei sardi, sotto grazie al doppio vantaggio firmato Pagliarulo-Citro, ma abili a conquistare un punto con Farias e Joao Pedro.  

Siciliani che scendono in campo con un copertissimo 3-5-1-1, in cui spicca la presenza di Citro dietro l'unica punta Petkovic. Insolito 3-5-2, invece, per il Cagliari, in piena emergenza e con Rastelli obbligato a lanciare in mediana il difensore Murru ed il giovane Colombatto. Al 4' si affaccia blandamente il Trapani, ma il tiro del numero 27 Eramo non impensierisce assolutamente Marco Storari. I padroni di casa sono però più in palla e, alla lunga, riescono a perforare la difesa di un Cagliari mentalmente ancora negli spogliatoi. Al 7' infatti, sugli sviluppi di una punizione battuta da Coronado, potente destro di Pagliarulo che insacca e porta in vantaggio i suoi. Che choc, per gli ospiti, praticamente nulli e sfilacciati. Quattro minuti dopo, ancora Trapani avanti, grazie ad un contropiede micidiale concluso ottimamente da Citro, che abilmente supera in uscita Storari e deposita in rete il nono gol personale. Cagliari in piena crisi, dunque, totalmente spiuntanto e colpito duramente per ben due volte. Grandissimo pressing per i padroni di casa, che impegnano spesso e volentieri i centrocampisti avversari, frequentemente sotto pressione e spesso protagonisti di errori grossolani. Il doppio svantaggio addormenta quindi gli ospiti, praticamente inermi ed ora trotterellanti a centrocampo. Pochissime idee per gli uomini di Rastelli, praticamente nulli in ogni reparto. Al 29' buon traversone di Balzano, il colpo di testa di Joao Pedro è però poco preciso. Primo squillo per il Cagliari, ma ancora troppo poco per rimontare una situazione disperata. La frazione di gara si conclude con il Trapani vicino ad un 3-0 che sarebbe stato clamoroso. Al 42', infatti, ennesimo contropiede dei padroni di casa e conclusione centrale di Perticone, ipnotizzato dall'ottimo Storari, ultimo baluardo di una rosa allo sbando e mai seriamente pericolosa.

Secondo tempo che inizia con il Cagliari subito aggressivo ed abile ad accorciare alla prima vera occasione: al 48' infatti, assist perfetto del neo-entrato Melchiorri e gol a porta vuota di Farias. Rossoblu dunque immediatamente offensivi e tornati sul terreno di gioco con un più pericoloso 4-3-3. Risponde imediatamente il Trapani due minuti dopo, ma il tiro di Nizzetto non impensierisce Storari. Gli ospiti iniziano quindi a palleggiare con pazienza, consci dell'atteggiamento molto remissivo degli avversari ma decisi a perforare le maglie siciliane per puntare ad un insperato e prezioso pari. Al 60' ancora guizzante Farias, Nicolas però fa buona guardia. Aumenta la pressione dunque da parte degli ospiti, più che mai decisi a pareggiare i conti dopo un primo tempo sottotono: al 69' infatti, colpo di testa di Melchiorri da posizione ravvicinata, palla incredibilmente a lato. Il Cagliari preme con foga, mettendo in seria difficoltà gli avversarie ma non riuscendo però a trovare un bandolo di una preziosa matassa. Pochi sbocchi dunque per gli undici di Rastelli, davvero convinti di rimontare dopo i primi minuti ma sempre più sfiduciati con il passare del tempo. La gara non sembra regalare ulteriori emozioni, scivolando sempre più in un finale lungo ma poco emozionante. Al minuto ottantanove blanda conclusione di Joao Pedro, tiro fuori di molto. Quando però sembrava già vittoria, il lampo che non ti aspetti: minuto novantadue, tiro velenosissimo di Joao Pedro e pareggio del Cagliari. Sconforto per i padroni di casa, consci della difficoltà degli ultimi due minuti di gioco. La partita non riesce però ad animarsi ulteriormente e si conclude con un punto per parte.

Male il Cagliari, benino il Trapani. I sardi infatti, non sono riusciti ad imprimere il loro gioco, risultando a tratti pericolosi, altre volte meno decisivi. Il terzo turno senza vittoria, però, non può che essere un segnale preoccupante, soprattutto se si considera la forza del Crotone, ancora una volta vincente ed ora ritornato primo in classifica. I tanti infortuni avranno sicuramente condizionato le prestazioni rossoblu, ora costretti ad inseguire i pitagorici. Gara ambivalente invece per il Trapani: convincente e temibile nel primo tempo, docile e remissivo nella ripresa. I siciliani potevano davvero mettere a segno un colpaccio in vista della corsa ai playoff, si sono fatti però raggiungere dagli avversari, sicuramente più pronti a livello mentale. Migliore in campo per i padroni di casa, Citro. per il Cagliari in evidenza Joao Pedro.