Italia, Antonio Conte in conferenza: "Ho già un'idea sulla rosa base da convocare"

Il tecnico azzurro ai giornalisti: "Cerco conferme da chi ha ben giocato contro la Spagna e voglio testare i giovani, manca solo un mese e mezzo alle convocazioni".

Italia, Antonio Conte in conferenza: "Ho già un'idea sulla rosa base da convocare"
Antonio Conte, Vivo Azzurro

Domani sera alle 20.45, all'Allianz Arena di Monaco, va in scena Germania-Italia: una grande classica del calcio internazionale. Questa amichevole rappresenta un altro test importante per la Nazionale, dopo la partita contro la Spagna, e la convincente prestazione conclusasi con l'1-1. Antonio Conte è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole coi campioni del mondo: "La loro sconfitta contro l'Inghilterra non ci favorisce, saranno determinati e arrabbiati, ma abbiamo scelto questi due test importanti proprio per testarci e vedere dove siamo. Sappiamo di scontrarci con i migliori, cercheremo di fare la nostra partita con grande rispetto e senza paura"

E' la prova generale prima che Conte fornisca l'elenco dei 23 (più quattro riserve) destinato all'Europeo: "E' l'ultima occasione- continua il ct azzurro- per vedere la risposta di alcuni ragazzi con poca esperienza internazionale. Poi tra un mese e mezzo farò le convocazioni. La rosa dei 23? Una buona base c'è già, è inevitabile. Un certo numero di posti deve ancora essere assegnato e dovrò fare delle valutazioni. Thiago Motta è stato convocato non per emergenza, volevo vedere se le sue caratteristiche sono adatte a noi. Stesso discorso per Jorginho, lì ho seguito le indicazioni del campionato". 

La notizia era nell'aria già da tempo, ma settimana scorsa è arrivata la conferma: Antonio Conte lascerà la guida della Nazionale italiana di Calcio dopo i Campionati Europei che si giocano in Francia: "La mia scelta non dipende dal risultato dell'Europeo. La mia scelta è dipesa dal fatto di voler tornare a lavorare ogni giorno" 

Il ct azzurro ha cofermato però che da qui agli Europei il suo impegno sarà massimo per cercare di ottenere il risultato migliore alla prossima rassegna continentale: "Sin dal primo giorno io ho detto- ha detto a fine conferenza- che la nostra forza sarà quella di diventare squadra e non una selezione. Devo ringraziare i giocatori perché da parte loro ho trovato grande apertura e questa cosa mi ha sorpreso perché non è semplice portare la tua idea di calcio in pochi giorni. Invece, in questo senso, ho avuto una bella sorpresa, ho trovato grande disponibilità da parte di tutti e questa èla cosa più bella. Dove arriveremo non lo so, ma l'importante è che non avremo rimpianti. Questo non deve accadere. Dove arriveremo sarà il massimo di dove potremo arrivare".