C'era una volta il derby...

I tempi dei "figli di Roma, capitani e bandiere", i tempi degli amabili sfottò...curve piene e passione in campo. Oggi settori deserti, prepartita di due giorni e tanti rimpianti...

C'era una volta il derby...
Ph Cinquequotidiano.it

Una volta era: "anche quest'anno senza trofei, ma almeno il derby è nostro, Roma è giallorossa, biancoblù,...". Una partita, centomila cuori accesi per una passione, un emozione difficilmente descrivibile. Sponda Roma, sponda Lazio, conta poco- a quel punto- la differenza. Conta che oggi, quel derby, è finito, perduto nella notte dei tempi. Non torna, almeno per ora. Non passa la voglia, sia chiaro. La tensione, la bellezza in sè di uno scontro che più dei 90', della classifica, ha in nuce una quantità paurosa di componenti, mentali, fisiche, anche di risvolti pratici: un derby continua a decidere il futuro di molti giocatori, molti allenatori, molti progetti. Ma oggi, IL derby, quello...di sempre... non c'è.

Le Curve

La Sud a Testaccio, la Nord in un luogo top secret, con ingresso su prenotazione e 1500 posti disponibili. Il cuore pulsante di Roma, il tifo biancoceleste e quello giallorosso, ancora una volta, domenica pomeriggio alle 15 all'Olimpico non ci saranno. Come all'andata, come in tutta questa complicata stagione, al di là dei risultati del campo. La storia, la stessa: barriere divisorie di steward che invadono i luoghi sacri della tifoseria capitolina, l'inizio della protesta, il lungo tira e molla con il Prefetto Gabrielli, che, all'ultimo aggiornamento aveva auspicato: «Spero che i tifosi tornino allo stadio, soltanto così potremo capire se avranno i comportamenti giusti per eliminare le barriere». La Nord e la Sud, quel passo, non hanno alcuna intenzione: piuttosto che andare e tifare, non vanno; piuttosto che esaltarsi o deprimersi, si censurano. Una volta erano urla e spintoni ai gol di Totti, Di Canio, ecc. Brividi.

Tutto deserto

I tagliandi venduti sono scarsi 8mila, che aggiunti ai 14mila abbonati biancocelesti fanno meno di 22mila spettatori. All'andata furono in 28mila, altro record negativo. Ma questo li batterebbe tutti: i laziali, tra l'altro, oltre a contestare le decisioni adottate dalPrefetto Gabrielli, non gradiscono nemmeno la gestione societaria del loro presidente, i "deserti" tra coppa e campionato lo hanno chiaramente detto.

Sarà un derby fantasma, dunque. Se Lotito, Pallotta e il Prefetto Gabrielli sono contenti, lo siano. Vedere un derby Lazio-Roma senza tifosi è come vedere una tela, magari anche ben curata, senza però nessun disegno all'interno. Serve che ci si sieda, e si inizi a dipingere.