Sassuolo, Sansone: "Il sesto posto non è sicuro, ma con l'Europa sarei felice di rimanere"

Nicola Sansone analizza il momento del Sassuolo e si proietta sulle ultime due sfide di campionato.

Sassuolo, Sansone: "Il sesto posto non è sicuro, ma con l'Europa sarei felice di rimanere"
Nicola Sansone, serieanews.com

Nicola Sansone è vicino a rimanere nella storia di questo campionato visto che, a meno di clamorosi ribaltoni, sarà l'ultimo uomo che in questa stagione è risultato decisivo per una sconfitta della Juventus di Allegri. Da quella sua punizione al Mapei Stadium di Ottobre i bianconeri non hanno più perso, ma anche il Sassuolo non ha fatto un brutto percorso. 

Tanto è vero che a due partite dalla fine del campionato la squadra di Di Francesco è sesta in classifica davanti al Milan, dopo un lungo inseguimento durato tutto il girone di ritorno, posizione di classifica che varrebbe i preliminari di Europa League. Per coronare un sogno, però, serve non perdere punti già contro il Frosinone nel prossimo turno. Sansone ne parla in conferenza stampa: "Stiamo preparando la partita al massimo, con concentrazione, vogliamo vincere. Siamo ridotti all'osso, ma mancano solo due partite e ce la faremo. Loro daranno il cento per cento, forse anche di più. Ma anche noi dobbiamo coronare un sogno." Con un aiuto magari proprio della Juventus: "Il sesto posto non è ancora sicuro e, anche se fosse, per far sì che andiamo in Europa League, la Juve deve vincere la Coppa Italia."

Il paragone fra il Leicester di Ranieri e il Sassuolo di Di Francesco è emerso in qualche occasione durante il campionato e Sansone non la vede come una possibilità così remota quella di compiere un'impresa come quella delle Foxes: "Se potrebbe succedere in Italia? Difficile rispondere ora, magari in futuro una squadra come la nostra potrebbe farcela." Infine l'attaccante traccia un bilancio personale: "Penso di aver fatto un'ottima stagione, ma mancano due partite e si può sempre migliorare. Il futuro? Sono tranquillo, mi sto concentrando sulla fine del campionato, abbiamo due partite da vincere, poi vedremo. Io sarei contento di rimanere in caso arrivasse l'Europa."