Sassuolo, maledizione infortuni

Dopo la sconfitta con la Fiorentina, Di Francesco fa di nuovo la conta degli assenti. Magnanelli rischia la stagione, gravi stop anche per Cannavaro e Gazzola. E ci sono anche Pellegrini e Terranova.

Sassuolo, maledizione infortuni
Fonte immagine: Il resto del Carlino

L'immagine della sfida tra Fiorentina e Sassuolo di ieri sera, terminata per 2-1 in favore dei viola, non è semplicemente la gioia del mattatore Kalinic, ma anche quella di uno sconsolato Eusebio Di Francesco, in piedi davanti alla propria panchina a braccia larghe e scuotendo la testa, quasi incredulo dopo l'ennesimo infortunio dei suoi. Dopo aver abbondantemente scollinato oltre quota venti acciacchi stagionali, la conta è destinata a proseguire, a partire dal bollettino medico dopo la partita di ieri sera.

La principale notizia negativa riguarda la lesione al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, come da comunicato, di Francesco Magnanelli. Il perno del centrocampo potrebbe aver finito anzitempo la propria stagione, sorte che rischia di condividere anche Paolo Cannavaro, il quale ha rimediato, sempre ieri sera, una lesione del legamento collaterale mediale del ginocchio destro: per l'ex Napoli resta comunque da capire l'entità precisa, poichè potrebbe anche recuperare nel mese di febbraio.

Rientreranno invece nel 2017 Lorenzo Pellegrini e Marcello Gazzola: il centrocampista ha subito un trauma contusivo alla caviglia, mentre il terzino una contusione all'anca. Notizie anche da Emanuele Terranova: lo sfortunato difensore si era fermato nella rifinitura di domenica per un affaticamento.

A tutti questi si aggiungono altre assenze sostanzialmente certe per le prossime due gare del 2016: l'arcinoto Berardi, Duncan, Politano, Biondini e Letschert. Per le sfide contro Cagliari e Inter, le ultime dell'anno solare, Di Francesco non potrà contare su dieci elementi, più della metà di questi ideali titolari, e sarà nuovamente costretto a soluzioni e piani d'emergenza, sperando di ritrovare la pace a partire dal prossimo gennaio.