Coppa Italia 2016/17 - Sassuolo, Di Francesco: "Manifestazione snobbata, le daremo importanza"

Il tecnico degli emiliani, ritrovatisi domenica in casa contro il Palermo, ha presentato i temi della sfida che domani pomeriggio vedrà i neroverdi impegnati negli ottavi di Coppa Italia nel derby romagnolo contro il Cesena.

Coppa Italia 2016/17 - Sassuolo, Di Francesco: "Manifestazione snobbata, le daremo importanza"
Coppa Italia 2016/17 - Sassuolo, Di Francesco: "Manifestazione snobbata, le daremo importanza"

Dopo aver ritrovato il sorriso e la vittoria in campionato, domenica contro il Palermo, il Sassuolo di Eusebio Di Francesco va a caccia di un prestigioso accesso ai quarti di finale di Coppa Italia, che può rappresentare, in alternativa alla rimonta in Serie A, una valvola di sfogo ed un motivo di soddisfazione per misurarsi con le big dello stivale del calcio. Alla vigilia della sfida contro il Cesena, derby della via Emilia, il tecnico ha parlato in conferenza stampa dei temi del match, partendo dalle rotazioni di formazione che effettuerà domani. 

Inevitabile non pensare ad un minimo di turnover, per coinvolgere tutti, ma anche per dare fiato a chi ha giocato domenica e non ha ancora le tre partite in una settimana nelle gambe: “Rispetto alla partita con il Palermo cambierò tanto, ho molti giocatori che si sono allenati e posso fare delle scelte. Darò minuti a Pellegrini e Duncan. Scenderà in campo chi ha giocato meno, ma questo non cambierà la nostra fisionomia di squadra. Acerbi? Potrebbe ancora giocare. Berardi e Aquilani non li convoco visto che arrivano da un lungo stop”.

Un Di Francesco come al solito sincero in ogni analisi ha inoltre guardato alla formula della Coppa, tutt'altro che gradita dal pescarese: “Personalmente la Tim Cup non mi piace come è strutturata. Noi abbiamo la fortuna di essere agli ottavi, il nostro desiderio è quello di andare avanti e sappiamo che avremo di fronte una formazione da non sottovalutare". A tal proposito, le attenzioni del tecnico si spostano sugli avversari: "Il Cesena non sta facendo bene in campionato, ma ha un ottimo allenatore mio conterraneo. Hanno bravi giocatori e nel passato qualche acquisto dai bianconeri l’abbiamo fatto. Gli esempi dell’Alessandria e dello Spezia fanno capire come questo  impegno non vada sottovalutato. Lo scorso anno siamo usciti con il Cagliari, in questa edizione dovremo avere più determinazione”.

Inoltre, vincere domani sera può essere un motivo per riportare il pubblico delle grandi occasioni al Mapei Stadium nel caso di un eventuale passaggio turno: “Il nostro primo obiettivo è quello di concentrarci sul campo, siamo consapevoli che  andare avanti potrebbe portare più gente allo Mapei. Farebbe piacere a tutti avere un grande pubblico nel proprio impianto, la Coppa Italia  viene snobbata fino ai quarti, noi dobbiamo essere bravi a darle importanza”.

Infine, uno sguardo alla situazione nel complesso della sua squadra, che ha ritrovato entusiasmo dopo aver ritrovato i tre punti, fondamentali per il prosieguo in campionato, contro il Palermo: “Ci ha dato motivazioni maggiori, io voglio affrontare il Cesena al meglio e con i giocatori che metterò in campo. Ho molti calciatori al top e li alternerò, ma con l’obiettivo di superare il turno. Questa gara servirà anche l’occasione per migliorare la condizione di Duncan che arriva da un lungo stop”.