Serie B - Il Novara sbanca il "Matusa" per 3-2

I piemontesi si rendono autori di una grande prestazione, grazie alla quale superano tra le mura amiche il Frosinone. Protagonista del match Macheda che realizza una doppietta, poi Galabinov, Ciofani e Mokulu completano il tabellino.

Frosinone
2 3
Novara
Frosinone: Bardi; Russo (Kragl, min.77), Ariaudo, Krajnc; Fiamozzi, Soddimo (Mokulu, min.54), Maiello, Sammarco (Gori, min.54), Mazzotta; Dionisi, D. Ciofani. A disp: Zappino, Besea, Frara, Errico, Pryyma, Mamic. All. Marino
Novara: Da Costa; Troest, Scognamiglio, Chiosa; Dickmann, Cinelli, Selasi (Koch, min.70), Casarini, Calderoni (Lancini, min.75); Macheda (Adorjan, min.80), Galabinov. A disp: Montipò, Di Mariano, Malberti, Kupisz, Chaja, Lukanovic. All. Boscaglia
SCORE: 0-1, min. 12, Macheda. 1-1, min. 22, D. Ciofani. 1-2, min. 35, Galabinov. 1-3, min. 64, Macheda. 2-3, min. 91, Mokulu.
ARBITRO: Rosario Abisso (ITA). Ammoniti Da Costa (min. 21), Dickmann (min. 25), D. Ciofani (min. 46), Fiamozzi (min. 51), Gori (min. 57), Scognamiglio (min. 79), Koch (min. 83)
NOTE: 36ma giornata Serie B. Stadio "Matusa", Frosinone.

Il Frosinone inanella la quarta partita senza successi, la squadra ciociara si fa sorprendere in casa dal Novara, che conquista tre punti fondamentali in chiave play-off. I ciociari erano obbligati a vincere per mantenere il passo della Spal, ed invece la formazione di Marino si fa beffare dopo 10 minuti da Macheda, che porta in vantaggio i suoi. I padroni di casa reagiscono subito raggiungendo il pareggio con il calcio di rigore realizzato da Ciofani, ma prima della fine del primo tempo Galabinov trasforma il penalty che riporta in vantaggio la compagine piemontese. Nel secondo tempo il Novara sembra chiudere la sfida con Macheda, ma Mokulu nel finale la riapre. Il Frosinone cerca in tutti i modi il pareggio, ma la difesa biancoazzurra riesce a tenere fino alla fine. Un risultato inaspettato considerando anche le forze in campo, entrambe le formazioni si sono presentate con gli effettivi migliori, ma a far la differenza è stata la disposizione tattica di Boscaglia, che ha preferito schierarsi a specchio. 

La prima conclusione del match la realizza il Novara con Dickmann, ma il tiro del terzino destro viene neutralizzato senza problemi da Bardi. Su capovolgimento di fronte il Frosinone sfiora il vantaggio con Sammarco, che stacca bene di testa sul corner battuto da Soddimo, ma la sua incornata termina di poco sul fondo. Al 12' il Novara sblocca il match: cross di Calderoni dalla sinistra, sponda di petto di Galabinov e conclusione vincente di Macheda. I ciociari reagiscono immediatamente sfiorando l'1-1 ancora con Sammarco, che sfrutta una disattenzione difensiva avversaria per andare alla conclusione da buona posizione, ma il suo tiro viene respinto con ottima reattività da Da Costa.

E' il preludio al gol che arriva al 22': Dionisi viene atterrato in area di rigore da Scognamiglio e l'arbitro non può far altro che fischiare il penalty, che viene trasformato da Ciofani, il quale col destro spiazza l'estremo difensore avversario. I ciociari sfruttano il momento positivo per alzare il proprio baricentro e ciò porta la squadra di casa a rendersi ancora più pericolosa, come in occasione del tiro dal limite dell'area di Dionisi, che viene ben respinto dal n.1 avversario. Nel momento migliore dei padroni di casa arriva il gol del vantaggio del Novara: Macheda viene atterrato in area di rigore da Fiamozzi e l'arbitro indica il dischetto; dagli 11 metri va Galabinov che non lascia scampo a Bardi. Nel finale di primo tempo il Frosinone prova a riagguantare il pareggio, ma nè Dionisi nè Ciofani riescono a rendersi particolarmente pericolosi. Si va dunque all'intervallo con il Novara avanti per 2-1.

Il secondo tempo vede i piemontesi ripartire bene con la triangolazione tra Cinelli, Galabinov e Macheda, con quest'ultimo che prova poi la conclusione in porta, ma il suo tiro si perde ampiamente sul fondo. La squadra di Boscaglia continua ad agire di rimessa sfruttando gli spazi lasciati in difesa dalla formazione di casa ed al 52' con Casarini sfiora il 3-1, infatti il centrocampista novarese va alla conclusione dalla distanza, ma il suo tiro sfila di poco oltre il palo destro della porta avversaria. Il Frosinone a mezz'ora dal termine comincia il forcing offensivo chiudendo il Novara nella propria metà campo, ma la squadra ciociara riesce solamente a guadagnare calci d'angolo in serie.

Su uno di questi stacca bene di testa Ariaudo, ma l'incornata del difensore di casa termina di poco a lato. Proprio nel momento di maggior sforzo della squadra ciociara il Novara porta a due le lunghezze di vantaggio: Macheda scambia bene con Cinelli lasciando poi partire una conclusione sulla quale Bardi non può nulla. Il Frosinone a questo punto non ci crede più, ma continua comunque ad attaccare con Kragl, che s'incarica della battuta di un calcio di punizione da buona posizione, ma la sua conclusione viene neutralizzata senza problemi dall'estremo difensore avversario.

Il Novara prova a chiudere definitivamente la sfida con Galabinov, che va alla conclusione dalla distanza, il suo tiro sfiora solamente il palo sinistro della porta avversaria. Il Frosinone cerca di accorciare le distanze con Kragl che va alla battuta dalla distanza, la sua conclusione viene ribattuta con i pugni dal n.1 avversario. Poco dopo ci prova Mokulu in girata, ma il tiro del centravanti ciociaro termina abbondantemente sul fondo. Proprio l'attaccante belga riapre la sfida in pieno recupero finalizzando al meglio il lungo lancio di Dionisi, il n.19 di casa salta Da Costa e deposita il pallone in fondo alla rete. Il forcing finale dei padroni di casa non produce il tanto sperato pareggio, e quindi il Novara può festeggiare la vittoria per 3-2.