Campionato Primavera Final Eight - Emmers elimina la Roma e porta l'Inter in finale

Un gol del centrocampista belga permette alla squadra nerazzurra di sfatare il tabù giallorosso e qualificarsi per la Finale dove l'attenderà la Fiorentina. La Roma paga il gol subito ad inizio secondo tempo.

Inter
1 0
Roma
Inter: Di Gregorio; Valietti, Vanheusden, Gravillon, Cagnano; Carraro, Awua (Lombardoni, min.87); Emmers, Belkheir (Bakayoko, min.60), Rivas, Pinamonti. A disp: Mangano, Danso, Mattioli, Rover, Bollini Frigerio, Nolan, Mutton, Butic, Dekic, Sala, Putzolu, Souare. All. Vecchi
Roma: Crisanto; De Santis, Grossi, Ciavattini, Anocic (Cappa, min.83); Frattesi, Bordin (Marcucci, min.95), Spinozzi (Valeau, min.70); Tumminello, Soleri, Antonucci. A disp: Romagnoli, Greco, Ciofi, Franchi, Diallo, Meadows, Nani. All. De Rossi
SCORE: 1-0, min. 47, Emmers.
ARBITRO: Giacomelli (ITA). Ammoniti De Santis (min. 33), Cagnano (min. 70)
NOTE: Semifinale delle Final Eight del Campionato Primavera. Stadio "Mapei Stadium", Reggio Emilia.

L'Inter batte la Roma e raggiunge la Fiorentina in finale. Un successo conquistato grazie al gol siglato ad inizio secondo tempo da Emmers, abile a sfruttare un ottimo passaggio in profondità fornitogli da Belkheir. La formazione nerazzurra ha la meglio grazie alla propria organizzazione tattica, che non permette mai ai giallorossi di mettere in pratica il proprio gioco fatto di corsa e qualità. Le occasioni latitano da entrambe le parti, poi Pinamonti prova a smuovere la contesa con un colpo di testa sventato con un colpo di reni da Crisanto.

Nel secondo tempo la partita viene sbloccata dalla rete nerazzurra, che costringe la Roma ad una sfida di solo attacco. Nonostante ciò i capitolini non riescono a costruire chance degne di nota, tranne nell'occasione del colpo di testa di Tumminello, terminato di poco fuori. Dall'altra parte Valietti spreca il colpo del k.o., ma la difesa di Vecchi riesce a tenere botta fino alla fine, eliminando così i campioni in carica. A questo punto la compagine nerazzurra ha la grande opportunità di conseguire l'ottavo titolo della propria storia.

Un obiettivo voluto fortemente da Vecchi che per centrarlo si è affidato in questa partita al miglior undici possibile, schierato in campo con il 4-2-3-1, con Pinamonti unica punta, sostenuto da Emmers, Belkheir e Rivas. Dall'altra parte De Rossi si è presentato col classico 4-3-1-2 con Antonucci ad agire alle spalle di Tumminello e Soleri.

La prima conclusione del match è della Roma, con Spinozzi che va al tiro da fuori area, ma Di Gregorio non si fa sorprendere e blocca la sfera scoccata dal centrocampista giallorosso. L'Inter fa la partita, ma le occasioni sono tutte della Roma. Al 25' Soleri riceve da Antonucci ai 20 metri, si gira e calcia, ma la sua conclusione viene disinnescata senza patemi dall'estremo difensore avversario. Ancora Antonucci mette dentro un bel cross per Tumminello, che colpisce di testa, ma l'incornata del n.9 capitolino termina a lato della porta avversaria. Alla prima chance l'Inter sfiora il vantaggio: cross col contagiri di Cagnano dalla fascia sinistra, stacco di Pinamonti e miracolo di Crisanto, il quale evita la capitolazione ai suoi. Poco dopo Awua libera alla conclusione Carraro, ma il mancino scoccato dal centrocampista nerazzurro termina ben oltre la traversa. La Roma torna a farsi vedere in attacco con Antonucci, che si accentra dalla corsia sinistra e va al tiro col mancino, ma la sua conclusione viene neutralizzata in tuffo da Di Gregorio. Al 44' Rivas si rende pericoloso con un'azione personale, che lo vede accentrarsi dalla sinistra ed andare alla conclusione col destro, ma il suo tiro si spegne oltre il montante alto della porta avversaria. E' l'ultima emozione di questo primo tempo, che si chiude sul risultato di 0-0.

Il secondo tempo si apre con il gol del vantaggio siglato dall'Inter: Belkheir pesca in profondità Emmers, il quale una volta giunto davanti a Crisanto, lascia partire un rasoterra che si spegne nell'angolino lontano dove l'estremo difensore avversario non può arrivare. La Roma reagisce col solito Antonucci, che va alla conclusione da posizione defilatissima, il suo tiro scheggia la traversa e termina sul fondo. Dall'altra parte Awua prova a sorprendere Crisanto con una conclusione dalla distanza, ma il portiere giallorosso riesce a parare il tiro scoccato dal centrocampista nerazzurro in tutta sicurezza.

Al 64' la Roma sfiora il pareggio: cross di Antonucci, stacco di Tumminello e palla che sorvola di pochissimo la traversa. Le due squadre si rispondono colpo su colpo, infatti dall'altra parte Vanheusden impensierisce Crisanto con un colpo di testa su azione d'angolo, ma la sua incornata viene controllata senza problemi dall'estremo difensore giallorosso. Al 71' l'Inter spreca la palla che avrebbe chiuso la partita: Awua innesca un contropiede lanciando sulla fascia sinistra Emmers, il quale mette dentro un cross rasoterra, sul quale si avventa Valietti che con la punta conclude verso la porta avversaria, ma il suo tiro si spegne sull'esterno della rete. Dall'altra parte Bordin impensierisce Di Gregorio con un calcio di punizione potente ma poco preciso. Emmers cerca Pinamonti in profondità, il n.9 va alla conclusione ma Crisanto blocca la sfera senza patemi. L'ultima occasione del match vede Valeau tentare la sortita personale dalla distanza, ma la conclusione scoccata dal centrocampista giallorosso si spegne abbondantemente sul fondo. Finisce dunque con la vittoria dell'Inter per 1-0, con i nerazzurri che raggiungono la Fiorentina in Finale.