Sassuolo, Bucchi può sorridere: la vecchia guardia risponde presente in Coppa Italia

Prima ufficiale sulla panchine neroverde per l'ex attaccante che inaugura con una vittoria

Sassuolo, Bucchi può sorridere: la vecchia guardia risponde presente in Coppa Italia
Berardi, Missiroli e Falcinelli, sassuolocalcio.it

Il Sassuolo ha aperto la propria stagione, come molte altre squadre di Serie A, con l'impegno nel terzo turno preliminare di Coppa Italia. Di fronte alla squadra allenata da Bucchi c'era lo Spezia, formazione di Serie B. I neroverdi hanno fatto vedere delle buone cose soprattutto nel primo tempo e hanno così superato senza troppe difficoltà il turno, arrivando con un pizzico di serenità in più all'esordio in campionato della prossima settimana.

Bucchi ha potuto sorridere soprattutto per le risposte che ha ricevuto dai giocatori che compongono lo zoccolo duro del Sassuolo. A parte Defrel e Pellegrini, entrambi passati alla Roma, per il resto la dirigenza neroverde è riuscita a trattenere gli altri giocatori richiesti dal mercato, arricchendo la rosa a disposizione di Bucchi con giocatori giovani e italiani da far crescere e migliorare. Insomma, la strategia non sembra essere cambiata rispetto alle stagioni con Di Francesco in panchina. Come per l'attuale tecnico della Roma, anche per Bucchi un ruolo centrale nel Sassuolo lo deve avere Domenico Berardi. A segno anche contro lo Spezia, al culmine di un pre campionato positivo, con le voci di mercato che piano piano si sono spente intorno a lui. Berardi non ha mai spinto in maniera esagerata per lasciare Sassuolo e allora tutto sembra pronto per un'altra stagione insieme.

Con Berardi ha trovato la rete contro lo Spezia anche Missiroli. Il centrocampista è mancato molto nella scorsa stagione a Di Francesco, quando la rosa neroverde è stata colpita da una serie di infortuni che ha dell'incredibile. Missiroli è un giocatore con caratteristiche uniche all'interno della rosa del Sassuolo e potrebbe rivelarsi molto utile per Bucchi in vista del prossimo campionato. In più l'ex attaccante potrà contare sul recupero a pieno regime di un uomo Francesco Magnanelli in mezzo al campo, altro elemento fondamentale anche all'interno dello spogliatoio. In difesa, invece, tutto ruoterà intorno alla figura di Acerbi. Pure per lui non sono mancate le offerte di mercato, ma fino a questo momento nessuna ha soddisfatto giocatore e società. Con Bucchi ben contento di costruire la propria fase difensiva partendo da lui. Altro elemento di quella vecchia guardia che ha iniziato a dare le prime risposte al Sassuolo di Bucchi.