L'Atalanta ospita la Roma, Reja: "Domani serviranno novanta minuti di grande attenzione"

Il tecnico atalantino in conferenza stampa: "Abbiamo comunque le soluzioni alternative e chi scenderà in campo so che darà il massimo per dare il suo contributo alla squadra".

L'Atalanta ospita la Roma, Reja: "Domani serviranno novanta minuti di grande attenzione"
Edy Reja, Atalanta.it

È Atalanta-Roma la sfida delle 12:30 di questa 33a giornata di Serie A. Edy Reja ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro i giallorossi: "Ci aspetta una settimana molto importante perché giocheremo tre partite e potrebbero essere decisive per i nostri obiettivi. A cominciare dalla gara contro la Roma. Domani serviranno novanta minuti di grande attenzione e intensità. Il Comunale è tornato il nostro fortino e vogliamo che continui ad esserlo" Di fronte a Roma che, Dopo il pareggio di lunedì scorso contro il Bologna, cerca di riprendere sin da subito il suo cammino per mantenere vive le speranze di secondo posto: "A gennaio hanno inserito elementi che si sono rivelati importantissimi come El Shaarawy e Perotti e poi è arrivato Spalletti che è l'uomo in più della Roma. Dovremo dare il massimo, essere bravi a contrastarli e a ripartire: solo cosi si può affrontare questa Roma".

Ma Edy Reja è convinto che i suoi ragazzi possano fare una grande partita: "Non partiamo già battuti, ce la giocheremo. Vincere domani sarebbe il modo migliore per allontanarsi definitivamente dalle zone pericolose. A 39 punti i giochi sono chiusi e sarebbe fantastico arrivarci già con la Roma".

Ma quella di domani sarà un'Atalanta incerottata, visto che mancheranno i due mediani De Roon e Cigarini, entrambi squalificati, e il fantasista Diamanti: "Diamanti? Lui è importante, anzi determinante. A metà campo ho delle scelte obbligate, qualche accorgimento ci potrà essere in base alla loro formazione. Valuterò l'opzione Gagliardini, ma ci sono anche Freuler e Migliaccio, Kurtic sarà sicuramente della partita. Abbiamo comunque le soluzioni alternative e chi scenderà in campo so che darà il massimo per dare il suo contributo alla squadra" Chiusura sul futuro: "Non parlo mai a campionato in corso. Analizzerò il tutto con Società al termine della stagione, ho sempre fatto così in carriera e in ogni club in cui ho allenato".