Atalanta, Gasperini senza paura: "Contro la Juventus ce la giochiamo"

L'allenatore dei bergamaschi è convinto che la sua squadra giocherà senza timore contro i bianconeri.

Atalanta, Gasperini senza paura: "Contro la Juventus ce la giochiamo"
Gian Piero Gasperini, ecodibergamo.it

Nessuno avrebbe pensato che Juventus-Atalanta sarebbe stata una partita d'alta classifica all'inizio della stagione. I numeri della squadra di Gasperini, però, hanno dato tutto un altro significato alla sfida di Sabato sera allo Juventus Stadium. Una specie di esame di maturità per i nerazzurri che a prescindere da quello che sarà il risultato potranno testare ancora la loro crescita. Dopo che già Inter e Roma si sono accorte dei progressi dei ragazzi del Gasp.

Proprio l'allenatore dell'Atalanta ha provato ad inquadrare la sfida contro Allegri al sito ufficiale nerazzurro: "Direi una bugia se dicessi che pensavo che la prossima sfida con la Juventus sarebbe stata d'alta classifica. Arriviamo al match dello Stadium nel nostro momento migliore. Andremo lì per giocare, senza snaturare le nostro caratteristiche. La prepareremo in un paio di modi e faremo quel che potremo, anche in virtù di quello che ci lascerà fare la Juve. Non so dove arriveremo, è difficile fare dei pronostici, ma ogni settimana riusciamo a fare un passo avanti." Anche Petagna ha raccontato a Sky Sport le sue sensazioni: "È un sogno per tutta la città, cercheremo di farlo durare più a lungo possibile. Sarà una partita bellissima, sarà un sogno giocare in uno stadio così importante. Sapevo di venire all'Atalanta e trovare un grande allenatore, mi sta dando fiducia, gioco 90 minuti e miglioro ogni giorno. Il sogno continua."

Kurtic, invece, in un' intervista all' Eco di Bergamo ha parlato sia della Juventus che più in generale del momento della squadra: "In campo siamo tutti pronti a fare più cose. Ci muoviamo con armonia, a disposizione della squadra. C’è grande sintonia e il dato di tanti goleador non mi sorprende. E’ il frutto del lavoro con il mister negli allenamenti. Il mio ruolo? Non c’è una posizione più gradita delle altre. Il mio ruolo è funzionale alle esigenze della squadra. Il mister mi chiede di dar fastidio al regista basso avversario, di attaccare gli spazi e cercare la profondità quando è possibile e sfruttare le mie caratteristiche per gli inserimenti. Juventus? Stiamo calmi, è una grande squadra. Campione d’Italia e in testa al campionato, e chi pensa che siano in flessione, si sbaglia di grosso. Dobbiamo avere la consapevolezza che sarà una partita difficile, da affrontare con il giusto atteggiamento. Dobbiamo affrontarla come abbiamo fatto con tutte le grandi, a fine gara dovremo uscire a testa alta, avendo dato il 101%. Questo spirito ci ha spinto spesso verso la vittoria."