Atalanta-Fiorentina, le formazioni ufficiali: Gasperini lancia D'Alessandro, Sousa rischia Ilicic

Le scelte di Gasperini e di Paulo Sousa per il lunch match della ventisettesima di Serie A.

Atalanta-Fiorentina, le formazioni ufficiali: Gasperini lancia D'Alessandro, Sousa rischia Ilicic
Fonte immagine: Twitter @Atalanta_BC

Tocca ad Atalanta e Fiorentina aprire la domenica di Serie A 2016/17. All'Atleti Azzurri d'Italia, per la ventisettesima giornata, va in onda una sfida ricca di spunti di interesse, tra due compagini che sognano l'Europa: se per una sono però sogni di gloria, per l'altra sono più incubi. Ecco le formazioni ufficiali scelte dai due tecnici. 

Gasperini ovviamente non si discosta nemmeno di un centimetro dal proprio sistema. Tra i pali Berisha, difesa con Caldara, Toloi e Masiello, che vince il ballottaggio con Zukanovic. Conti e Spinazzola corrono sulle fasce, Freuler e Kurtic in mezzo. Davanti intoccabili Gomez e Petagna, con loro, un po' a sorpresa, c'è D'Alessandro, preferito a Cristante e Grassi per sostituire lo squalificato Kessié.

Atalanta (3-4-2-1) - Berisha; Masiello, Caldara, Toloi; Conti, Freuler, Kurtic, Spinazzola; D'Alessandro, Gomez; Petagna. All. Gasperini

Paulo Sousa, dal canto suo, deve fronteggiare i problemi di Ilicic e Bernardeschi, disponibili ma in pessime condizioni, oltre alla squalifica di Saponara. Il portoghese si fida dello sloveno, ma non dell'italiano: l'ex Palermo, insieme a Borja Valero, supporta l'unica punta Kalinic. In mezzo Badelj e Vecino, sulle corsie Chiesa e Tello, preferito a Maxi Olivera, a sinistra. Difesa davanti a Tatarusanu con Sanchez, Gonzalo Rodriguez e Astori.

Fiorentina (3-4-2-1) - Tatarusanu; Sanchez, Gonzalo Rodriguez, Astori; Chiesa, Badelj, Vecino, Tello; Borja Valero, Ilicic; Kalinic. All. Sousa

L'undici Viola.

Ricordiamo la lodevole iniziativa della società Atalanta: l'incasso di questa partita verrà totalmente devoluto in beneficenza, per l'iniziativa Un campo per Amatrice. Prima della gara, il sindaco riceverà anche una maglia dedicata dal presidente Percassi.