Atalanta, settimana decisiva per l'Europa e per lo stadio

Sabato sera c'è il Milan e con una vittoria la Dea sarebbe matematicamente in Europa League, mentre domani si conoscerà il nome del vincitore del bando comunale in riferimento all'acquisizione dell'impianto di Bergamo: ci prova anche l'Albinoleffe.

Atalanta, settimana decisiva per l'Europa e per lo stadio
Atalanta, settimana decisiva per l'Europa e per lo stadio, www.goal.com

Sabato sera all’Atleti Azzurri d’Italia va in scena il match che per l’Atalanta – con i tre punti – significherebbe Europa League matematica: a Bergamo arriva il Milan di Vincenzo Montella, per ora distante 6 lunghezze dalla Dea a tre turni dalla fine. Dopo il pareggio contro l’Udinese per 1-1, il tecnico Gian Piero Gasperini ha concesso un giorno di riposo, con la ripresa degli allenamenti fissata per oggi pomeriggio alle 15.30, al centro Bortolotti di Zingonia. Per la sfida contro i rossoneri, ci sono diversi campanelli d’allarme per quanto riguarda la formazione: Hateboer e Kessiè non hanno nemmeno partecipato alla trasferta della Dacia Arena, mentre Gomez - già in dubbio alla vigilia - è uscito dopo circa un’ora di gioco contro i bianconeri e le sue condizioni preoccupano; rispetto allo schieramento di domenica scorsa, torneranno dalla squalifica Conti e Freuler.

Intanto domani mattina alle ore 9.15 verrà rivelato il nome del vincitore del bando comunale per l’alienazione dello stadio di Bergamo: a sorpresa anche l’Albinoleffe ha presentato un’offerta per l’acquisizione dell’impianto. Si pensava che l’unico partecipante all’asta fosse il presidente dell’Atalanta Antonio Percassi, ma ieri mattina il numero uno dei seriani Gianfranco Andreoletti ha fatto recapitare la sua proposta all’ufficio di protocollo.

Il disegno del nuovo stadio, www.ecodibergamo.it
Il disegno del nuovo stadio, www.ecodibergamo.it

Viste le cifre in ballo per il concorso – la base è di 7 milioni e 826mila euro, le spese di ristrutturazione si stimano tra i 20 e i 25 milioni di euro, a cui si devono aggiungere oneri vari per un totale di circa 40 milioni, per una squadra che disputerà i playoff per la promozione in Serie B e che totalizza poche presenze allo stadio – è ipotizzabile che questa dell’Albinoleffe sia una manovra di disturbo, considerando i rapporti non idilliaci fra i due presidenti. Come si legge su Bergamopost.it, la strategia di Andreoletti potrebbe essere quella di affittare l’impianto all’Atalanta una volta acquisito il bene, ma l’utilità effettiva è difficile da vedere; inoltre, su questo bando pendono anche due ricorsi, presentati dalle due società, i cui contenuti non sono ancora stati svelati.