Atalanta, Gasperini: "Vinta una gara insidiosa, grande attesa per giovedì"

L'allenatore della squadra orobica applaude i due attaccanti, andati in gol: "Gli chiedo massimo impegno, è bello quando gli attaccanti vanno in gol e risultano decisivi".

In rimonta, l'Atalanta ha superato il Sassuolo per due reti ad una ed ha conquistato i primi tre punti in campionato. Le reti, di Cornelius e Petagna, hanno reso vano l'acuto iniziale di Sensi, che ha solo illuso la compagine neroverde. Negli spogliatoi dello Stadio 'Atleti Azzurri d'Italia', il tecnico Gian Piero Gasperini ha analizzato la gara: "La gara l'avevo prevista proprio così, molto insidiosa. Abbiamo subìto gol in seguito ad un contropiede, che potevamo evitare. Poi dopo il pareggio ci siamo sciolti ed abbiamo dato il meglio. Per certi aspetti siamo stati bravi a ribaltarla, per altri non siamo stati bravi nel finale. Aver conquistato tre punti in queste condizioni ci da un buon aiuto e ci consentirà di prepararci al meglio per giovedì".

In gol i due attaccanti, Cornelius e Petagna, segnali positivi in vista dell'impegno in Europa League, con a Dea che si scontrerà contro l'Everton: "Sono due interpreti diversi. Cornelius è stato bravo a far questo gol che per noi è inusuale mentre il gol di Petagna va bene perché è quello che gli chiedo da tempo. E' sempre bello quando un attaccante segna, è il loro cibo. Un' importante iniezione di fiducia in vista della gara di giovedì. Ci godiamo questa vittoria, la prima stagionale, e da domani ci proietteremo al prossimo impegno".

Ha parlato anche Andrea Petagna, autore del gol decisivo: "E' stata una partita molto dura, ma abbiamo conquistato tre punti e questo ci dà forza per le prossime gare. Sicuramente avevamo un po' la mente all'Everton, specie nel primo tempo, ma abbiamo uno staff e un allenatore molto preparati, che ci permette di lavorare nel migliore modo possibile, pensando una partita alla volta. L'incrocio con Rooney? Sarà un'emozione, spero di prendere la sua maglietta a fine match. Lui ha fatto la storia del calcio, ma noi vogliamo la vittoria".