Bologna: le ultime di mercato, il sogno si chiama Pavoletti

Il Bologna vorrebbe il bomber ex Genoa, anche se la trattativa appare francamente difficile. Partente, invece, Donsah.

Bologna: le ultime di mercato, il sogno si chiama Pavoletti
Source photo: calciomercato.com

Qualche giorno fa, Bigon ha reputato incedibile Federico Di Francesco, assicurando che il giovane esterno sarebbe rimasto a Bologna. Il mercato del ragazzo, però, potrebbe convincere Saputo ad aprire ad una sua cessione, con il Napoli pronto ad offrire cifre importanti, facendo di Federico un vice-Callejon perfetto. Valutato dieci milioni, non poco, il calciatore bolognese attende ulteriori novità, con il club partenopeo che nei prossimi giorni preparerà l'affondo in caso di situazioni favorevoli. Sempre in attacco, si riapre la pista-Bibiany, nonostante il francese sia promesso sposo dello Sparta Praga. Una trattativa non facile, che potrebbe regalare imprevisti risvolti. 

Nella zona centrale del campo, continua il braccio di ferro tra Filip Bradaric ed il Rjeka, con il croato che sembra aver rifiutato un'ottima proposta dell'Antalyaspor. Partente, invece, Donsah, come confermato anche dal Corriere di Bologna, che ha riportato le parole del centrocampista ghanese: "Sto pianificando di lasciare il Bologna, perché penso che ci siano molte opzioni migliori sul tavolo per me. La cosa più importante per un giocatore è essere felice e se ci sarà qualche offerta concreta sarà molto importante per me lasciare l'attuale club".

Importanti novità, infine, sul fronte "Stadio": secondo quanto riportato dalla sezione del sito www.1000cuorirossoblu.it, infatti, i rossoblu starebbero seriamente pensando anche a Leonardo Pavoletti, praticamente separato in casa Napoli. La trattativa, apparentemente difficile, trova l'ostracismo del calciatore, che guadagna un ingaggio troppo oneroso per le casse felsinee. Piacciono, come seconda scelta, gli "umbri" Avenatti e Falletti, con il primo che viene però conteso anche dal neo-promosso Hellas Verona, deciso ad assicurarsi un vice di Pazzini.