Cagliari, si va all'Olimpico. Capozucca: "Vogliamo rifarci. Il ko con la Fiorentina è pesante"

Il Ds del Cagliari racconta la delusione in seguito alla sconfitta per 5 a 3 contro la Fiorentina al Sant'Elia. Intanto si rivede in campo Farias

Cagliari, si va all'Olimpico. Capozucca: "Vogliamo rifarci. Il ko con la Fiorentina è pesante"
Diego Farias (foto: Corriere dello Sport)

Torna a parlare Stefano Capozucca, direttore sportivo del Cagliari, dopo la sconfitta subita dalla sua squadra domenica, in casa, contro la Fiorentina. Pesante il risultato, 5 a 3 per i viola, dopo che il match era iniziato in discesa per i padroni di casa, passati in vantaggio dopo pochi minuti grazie alla rete di Di Gennaro, ma ripresi poi dalla scatenata coppia Bernardeschi-Kalinic.

"L'umore non è dei migliori, - racconta il dirigente rossoblu - quando si perde non può essere altrimenti. Eravamo imbattuti al Sant'Elia, ieri abbiamo preso cinque gol, quindi ancora brucia. La fortuna nel calcio è che puoi rifarti fin da subito, e mercoledì abbiamo la gara esterna contro la Lazio". I romani sono reduci da due punti nelle ultime quattro partite e sono affamati dopo le recenti brutte prestazioni contro Bologna e soprattutto Torino. "Questa è un'altra grande squadra, serve far tesoro degli errori ed evitarli. Ogni squadra va in campo coi buoni propositi, ogni formazione ha obiettivi differenti a seconda del modo in cui è costruita. Per me la Lazio può giocarsela per l'Europa, ne ha le piene possibilità. Proveremo a renderle difficile la vita, anche se sappiamo sarà una gara durissima per noi".

Infine, Capozucca svela un piccolo aneddoto: "Quando parlavo delle varie squadre coi miei ragazzi, ho detto loro ad inizio stagione che le due sorprese sarebbero state Lazio e Torino, che tra l'altro si sono affrontate ieri disputando una bellissima partita. Faranno un grande campionato, per organico e per qualità dei singoli sono tra le migliori. Stanno rispettando le mie premesse, sono sicuro che se la giocheranno con le altre grandi del campionato. Dobbiamo stare attenti al tridente laziale, hanno un organico di primissima qualità".

FARIAS- Rastelli ha fatto svolgere nella giornata di lunedì un lavoro defaticante a coloro che hanno giocato domenica, mentre il resto del gruppo ha svolto palestra e lavoro aerobico. Dopo un lungo calvario, è tornato ad Assemini Diego Farias, che ha iniziato un lavoro personalizzato. I rossoblu contano di averlo a disposizione dopo la sosta per le nazionali, in occasione della sfida contro il Chievo Verona.