Chievo, ci pensa capitan Pellissier

Va al Chievo il lunch-match di questa 30^ giornata. Come nella gara di andata a Verona di inizio novembre (2-1 per il Chievo), è ancora Pellissier ad abbattere il Cesena. Per i veneti si tratta di una vittoria fondamentale e di una pesante ipoteca sulla salvezza. I gialloblù, in attesa delle altre gare, sono a 35 punti a pari merito con Sassuolo e Palermo. Brutta frenata, invece, per il Cesena: dopo la grinta e il cuore dimostrato sabato scorso al "Bentegodi" contro l'Hellas, la squadra è inciampata in un ko che potrebbe rivelarsi fatale. Se l'Atalanta dovesse battere il Sassuolo, infatti, i romagnoli si ritroverebbero a -8 dalla quartultima posizione.

Chievo, ci pensa capitan Pellissier
Cesena
0 1
Chievo
Cesena: (4-3-1-2) Leali; Capelli, Krajnc, Lucchini (81mo Rodriguez), Perico; Carbonero, Cascione, Giorgi; Brienza; Defrel (88mo Moncini), Djuric (67mo Succi) Panchina: Agliardi, Bressan, Nica, Cazzola, Mudingayi, Ze Eduardo Allenatore: Di Carlo
Chievo: (4-4-2) Bizzarri; Frey, Cesar, Dainelli, Zukanovic; Hetemaj, Izco, Radovanovic, Schelotto (62mo Birsa); Meggiorini (85mo Cofie), Paloschi (58mo Pellissier) Panchina: Bardi, Seculin, Biraghi, Gamberini, Sardo, Botta, Christiansen, Pozzi, Vajushi Allenatore: Maran
SCORE: 82mo Pellissier
ARBITRO: Valeri (ITA) Ammoniti: Carbonero, Djuric, Hetemaj

La rosa e i tifosi del Cesena ricorderanno con grande amarezza il nome di Sergio Pellissier. E' ancora l'attaccante valdostano a giustiziare i bianconeri, dopo che diciannove giornate fa era stato proprio il capitano clivense a siglare le rete - e sempre verso la fine del match - del 2-1 che regalò un successo fondamentale agli uomini di Maran sui bianconeri. Passando a oggi, entrambe le squadre erano reduci da un buon momento e da un buono stato di forma. I padroni di casa cercavano un successo per avvicinarsi ancora di più al quartultimo posto; gli ospiti, invece, dopo la sconfitta al Mapei Stadium, miravano ai 3 punti per consolidare la zona salvezza. Che se ancora non è matematica, poco ormai manca.

La partita è da subito frizzante e vivace. Nei primi 10 minuti è il Chievo ad andare per ben due volte vicino al gol con Paloschi: al minuto 3 è bravo Leali ad opporsi ad un colpo di testa del numero 43 gialloblù, mentre al minuto 9 l'attaccante, su perfetto cross di Zukanovic, manda la palla di poco a lato con un'altra incornata. Dal Cesena ci si apettava molto di più, e si fa vedere solo al 38mo quando Bizzarri è bravo su una acrobazia di Brienza, il faro dell'attacco romagnolo. Si va all'intervallo sullo 0-0. A inizio ripresa i bianconeri sembrano aver preso la prtita in mano, e già al 50mo un tiro di Giorgi costringe Bizzarri ad una importante deviazione a lato. E' solo un'illusione, poiché da quel momento è il Chievo a prendere in mano le redini del match. Al minuto 70 un tiro di Radovanovic costringe Leali ad un grande intervento. Ma è poco più di 10 minuti dopo che arriva il gol che decide questa delicata gara: Pellissier, subentrato da 24 minuti a Paloschi, insacca di testa su corner di Frey e gela l' "Orogel-Manuzzi". Il Cesena reagisce creando un'occasione pericolosa al 94mo con il neo entrato Rodriguez, ma è troppo tardi. Termina 0-1.

Così Maran a fine partita: "Pellissier? Si è fatto un regalo e ci ha fatto un regalo. E' un esempio per tutti i compagni, dentro e fuori dal campo. Siamo vicini alla salvezza, siamo cresciuti molto da quando sono qui. Il merito è sprattutto dei ragazzi perchè lavorano molto intensamente durante la settimana. Riusciamo a esserepericolosi e propositivi, rischiando poco in fase difensiva. Questi sono gli ingredienti per raggiungere la salvezza più in fretta possibile". Fonte dichiarazioni Maran: Gianlucadimarzio.com