Chievo, ad un passo l'arrivo di Pucciarelli dall'Empoli per circa 4 milioni di euro

Rolando Maran è pronto ad accogliere l'attaccante retrocesso nella scorsa stagione con i toscani

Chievo, ad un passo l'arrivo di Pucciarelli dall'Empoli per circa 4 milioni di euro
Manuel Pucciarelli, zimbio.com

Manuel Pucciarelli ha vissuto una stagione difficile come tutto l'Empoli, culminata con la retrocessione in Serie B. L'attaccante, però, si è saputo sempre far apprezzare per le sue qualità sul campo e soprattutto per l'impegno che ha saputo dimostrare in ogni minuto giocato nello scorso campionato. Poche reti come difetto, ma Rolando Maran e il Chievo sono convinti di poterlo far rendere al meglio.

I gialloblu del presidente Campedelli, infatti, sono vicinissimi a concludere l'operazione Pucciarelli con l'Empoli. I toscani hanno dovuto abbassare le proprie pretese economiche anche a causa della retrocessione e così il Chievo è riuscito a formulare una proposta che potesse soddisfare i toscani. 4/4,5 milioni di euro il valore complessivo dell'operazione che vede anche l'inserimento del portiere Provedel. Pucciarelli è in grado anche di giocare sull'esterno, caratteristica che lo rende un'arma tattica importante per Maran, con il Chievo che potrà così cambiare pelle a livello tattico anche all'interno della stessa partita. Il Chievo vince così un duello di mercato con la Sampdoria di Giampaolo. Il tecnico blucerchiato conosce bene Pucciarelli per averlo allenato e avrebbe voluto riaverlo con sè in Liguria.

Intanto è cominciata la nuova stagione per il Chievo, con il raduno e le prime parole dei protagonisti. Al Corriere di Verona, per esempio, ha parlato Dainelli, uno dei super veterani di una squadra che ancora una volta andrà a caccia della salvezza unendo esperienza e gioventù: "Parole Campedelli? Penso si riferisse al fatto che stavolta sarà un campionato più difficile rispetto a una stagione, la scorsa, dov’eravamo praticamente salvi già a fine gennaio. Neo-promosse fanno sul serio? E sembrano ben attrezzate anche economicamente. Di certo, non partono battute. Gol subiti? Fino a dicembre eravamo tra le prime quattro difese. Poi, a gennaio, tra il divario con la zona rossa, gli infortuni e un po’ di calo, prendemmo a incassare troppo. Di sicuro vogliamo ripartire dalla prima metà dello scorso campionato, quella buona". Concretezza e pochi fronzoli, in casa Chievo le idee sembrano essere già chiarissime a partire dal ritiro estivo.