Palermo-Empoli, le voci del dopo gara

Sono intervenuti l’allenatore Giampaolo e il match winner Saponara, queste le loro dichiarazioni.

Palermo-Empoli, le voci del dopo gara
Palermo-Empoli, le voci del dopo gara

Vittoria importantissima dell’Empoli che espugna il “Renzo Barbera” e conquista il terzo risultato utile consecutivo. Andiamo a leggere le dichiarazioni dei protagonisti del match:

Saponara: “Il tiro rasoterra sugli sviluppi del calcio di punizione è’ stata un intuizione, pensavo che la barriera saltasse e l’ho tirata rasoterra. Mi è venuto in mente il tipo di punizione di Pirlo e ci ho provato ed è andata bene. Sono 3 punti di importanza capitale contro una squadra che lotta per la salvezza, potevamo fare meglio nel primo tempo a livello offensivo ma l’importante è che abbiamo vinto. Il mio futuro passa da quello che faccio con questa maglia e con i miei compagni di squadra quotidianamente e l’obiettivo è di portare l’Empoli alla salvezza".

Giampaolo: “La classifica è parziale, è un campionato diverso rispetto allo scorso anno e noi dobbiamo pensare all’obbiettivo finale. Era una partita che temevo soprattutto a livello fisico dopo il match di Genova, ma i ragazzi sono stati bravi e abbiamo sofferto solo nel finale. La punizione di Saponara è stata provata in settimana e Riccardo è stato molto bravo a mettere la palla nell’angolino. Questi ragazzi sono giovani ma hanno buone qualità, abbiamo cambiato diversi giocatori ma tutti si sono integrati al meglio grazie anche allo splendido gruppo che già c’era. Quest’anno per me è una stagione fondamentale dopo anni difficili, ma sono sereno perché ho un gruppo importante e non la vivo con pressione".