Giampaolo: "Ecco qual è la mia idea di calcio"

"Sarri? Lui mi chiamò per dirmi che sarei stato il suo successore a Empoli, io e lui abbiamo idee in comune sul calcio"

Giampaolo: "Ecco qual è la mia idea di calcio"
Giampaolo: "Ecco qual è la mia idea di calcio"

In una lunga intervista a la Gazzetta dello Sport, l'ex tecnico dell'Empoli Marco Giampaolo si è raccontato per descrivere il suo modo di vivere calcio e allenare le squadre, rimarcando la fortuna di aver trovato l'anno scorso un gruppo consolidato e che giocava a memoria.

COME COSTRUIRE – “Con la qualità, prima di tutto. Non so quante squadre in Italia avessero un centrocampo qualitativo come il nostro: Paredes, un ex trequartista, come play; Zielinski, centrocampista moderno, che fa gol, assist, recuperi; Croce o Buchel dall’altra parte. E Saponara, per me l’emblema del giocatore perfetto: qualità, corsa e lavoro. Poi serve l’organizzazione collettiva: è quella a permetterti di sorreggere la qualità”.

IL LAVORO DI SARRI – “Fu proprio Sarri  a chiamarmi a gennaio dicendomi che se lui andava via sarei stato io il suo successore, è un amico abbiamo fatto il corso insieme, mi ha mostrato il suo archivio, abbiamo idee in comune sul calcio.  L’idea più importante e quella di giocarsela sempre anche con le big  senza essere mai passivi, creando autostima, consapevolezza, perdendo ma giocandosela sempre. Chiaro che per fare questo tipo di gioco bisogna avere giocatori veloci dietro, in grado di recuperare la profondità. Sono arrivato in una squadra che veniva da lontano, abituata a lavorare in un certo modo da anni. Andavano a memoria. Se porti avanti un gruppo per anni, hai dei vantaggi: devi solo perfezionare. Altrimenti c’è bisogno di tempo, perché per addestrare la squadra a muoversi collettivamente serve tempo. Che devi riuscire a guadagnare mettendoci dentro qualche risultato, se no ti mandano a casa. Io a Empoli ho osservato e ho iniziato a interagire con discrezione. Mi sono guardato e riguardato tutte le partite dell’anno precedente e poi ho iniziato a trasmettere la mia idea di calcio. Noi forse rispetto all’anno scorso abbiamo cercato più il palleggio e meno la profondità. La cosa più bella me l’ha scritta Maccarone, cioè che sono rimasto nel cuore di tutti per la mia coerenza e modo di fare”.

MODELLO CATALANO – “Lo stage che ho fatto lì è stato un’esperienza che mi ha fatto vedere il calcio da un’altra prospettiva. Ciò che mi ha colpito di più è il modello uguale per tutti: i ragazzini di 10 anni fanno gli stessi allenamenti della prima squadra. In Italia invece gli allenatori del settore giovanile propongono ognuno il proprio tipo di calcio. Là tutti i tecnici sono al servizio di un modello e non di se stessi. Appena tornato, andai al Cesena ed ebbi l’idea di proporre quel tipo di calcio. Fu un errore: se non hai qualità di palleggio, è un suicidio. Ma qualcosa mi è rimasto dentro e l’ho ripescato nel tempo. Empoli mi ha permesso di applicare certe idee».

I CLUB – “Oggi fare l’allenatore in Italia è difficilissimo, quasi impossibile. Siamo dei precari: perdi tre partite e puoi andare a casa. La credibilità è fondamentale e basta smarrirne un filo per avere problemi, perché i giocatori ti pesano, ti valutano in ogni momento. Il calciatore percepisce se la strada che vuole seguire il tecnico è per lui conveniente. E davanti alla squadra il club ti deve tutelare, sostenere le tue scelte. Non può ammettere che un giocatore vada dal d.s. o dal presidente a lamentarsi e rispondergli magari “Sì, il mister ha sbagliato”. Così sei morto. E’ questione di leadership, che il giocatore deve riconoscere senza che il tecnico abbia necessità di riaffermarla continuamente. E’ il club che fa la differenza».

PRESIDENTI – “Per me il presidente è una figura che sta al di sopra di tutto. Io non ho mai chiamato i miei presidenti, sapere che ci sono calciatori che lo fanno è qualcosa che non si può sentire. Per il mio modo di ragionare io non posso arrivare a lui, devo relazionarmi con il direttore. Qualcuno in passato mi ha detto “Falla una chiamata ogni tanto”, ma non ci riesco. Lascio al direttore il compito di fare da tramite, sperando di trovare persone corrette, altrimenti se mi si vuole far cadere ci mettono un attimo. Io voglio fare solo l’allenatore e, per queste stesse regole, il presidente può esprimere un’opinione ma è mio dovere dire cosa penso e agire per quel che credo. Perché poi devo rispondere della mia credibilità davanti ai giocatori, e se i giocatori pensano che subisco l’influenza della proprietà, sono finito. Morto. Ci vuole quindi rispetto dei ruoli”.

GUARDIOLA O SIMOENE? – “Questione di gusti. Ma bisogna anche guardare i risultati in un arco di tempo più lungo. A me, la squadra che più è piaciuta in assoluto è il Barça di Guardiola. Roba da fantascienza, per chi ama il calcio è stato il massimo. L’Atletico Madrid? Diciamo che mi diverte meno”.

RIFERIMENTI IN ITALIA – “Quest’anno mi sono divertito a vedere Fiorentina e Napoli, anche il Crotone di Juric che è molto bravo. Viola e azzurri sono diventati prevedibili? È il rischio delle squadre molto codificate. È per questo che bisogna allenare più il principio degli schemi. La profondità, per esempio, di cui Spalletti è un maestro. Non dice “Tu la passi a lui e lui la mette in verticale”. No, alleni a riconoscere una situazione che non è preordinata”.

E LA JUVENTUS? – “Ma la Juve è fuori categoria, lì non conta come giochi: hanno la vittoria nel dna. È una squadra pratica e Allegri è un tecnico intelligentissimo: giusto, freddo, che trasmette serenità. E la Juve ha una struttura societaria che risolve tutti i problemi e che permette al tecnico di allenare e basta, senza disperdere altre energie”.