Empoli: ufficiale l'acquisto di Thiam. La presentazione del giocatore

L'attaccante arriva in prestito con diritto di riscatto dalla Juventus. "Non vedo l'ora di giocare per dare una mano alla squadra a raggiungere la salvezza"

Empoli: ufficiale l'acquisto di Thiam. La presentazione del giocatore
presentazione thiam empoli

Con qualche giorno di ritardo è arrivata l'ufficialità del trasferimento di Mame Thiam all'Empoli. Ecco il comunicato del club toscano: "L'Empoli Fc comunica di aver acquisito a titolo temporaneo con diritto di riscatto dalla Juventus le prestazioni di Mame Baba Thiam".

Nella giornata di ieri, il giocatore, accompagnato dal dg Carli, è stato presentato alla stampa rilasciando le sue prime impressioni. Prima ha parlato il dirigente toscano mostrando tutta la sua soddisfazione per il nuovo acquisto: "Sono qui a presentarvi questo ragazzo che per noi rappresenta un innesto importante. Sarà subito a disposizione di Martusciello e se dimostrerà di avere delle qualità importanti verrà riscattato. Sono contento che abbiamo fatto un acquisto del genere.

Il riscatto? Questo ci ha dato ancora più spinta per la buona riuscita dell'operazione. Ma aldilà di questo è un giocatore con buone qualità che ha fatto bene in Italia e in Belgio".

Queste sono invece le parole del neo acquisto:

"Sono contento di essere qui e di essere subito a disposizione per il match di domenica con la Sampdoria.

Voglia di tornare in Italia? Tanta dopo le esperienze in Belgio e Grecia e sono contento della scelta fatta.

L'impatto con la squadra? Mi sono trovato subito bene con i ragazzi e spero di dare una mano alla squadra per raggiungere l'obiettivo. Già conoscevo Dioussè e Buchel con il quale ho giocato molto tempo. Assane mi sta aiutando molto ad ambientarmi.

I miei obiettivi? Voglio raggiungere la salvezza e crescere facendo bene.

Modulo che preferisco? Ho giocato con diversi moduli. Prima ho fatto anche la seconda punta e l'esterno offensivo. Spero di dimostrare il mio valore anche con questo modulo.

Le mie caratteristiche? Sono uno che dà sempre il massimo. Poi ognuno può sempre imparare tanto anche grazie ai compagni più esperti. Comunque penso di essere bravo nei duelli fisici e veloci.

La mia esperienza in Belgio? E' stata un'esperienza positiva. Poi dopo un infortunio sono andato in Grecia e ora sono qui.

Sono pronto per giocare? Sì fisicamente sto bene e non vedo l'ora di giocare.

Cosa mi mancava dell'Italia? Il calore della gente in particolar modo ed è bello aver ritrovato molti amici. Poi è sicuramente affascinante poter giocare in serie A".