Inter-Empoli 2-0: le voci dei protagonisti in casa azzurra

Hanno parlato dopo il match di "San Siro" il difensore serbo Cosic e il centrocampista senegale Diousse

duello cosic-palacio inter-empoli

Non riesce l'impresa all'Empoli che esce sconfitto da "San Siro". L'Inter vince meritatamente 2-0 in virtù dei gol messi a segno dall'ex Eder al 14' e Candreva al 54'. Dopo il tecnico Martusciello, hanno parlato ai microfoni di Pianetaempoli.it il difensore centrale Uros Cosic e il regista Assane Diousse.

Cosic: "In occasione del primo gol potevamo fare meglio dal punto difensivo, abbiamo commesso degli errori. Però dobbiamo voltare pagina subito, la squadra esce dal campo a testa alta ed ora dobbiamo pensare alla Lazio. L'Inter ha meritato di vincere, dispiace perdere così ma forse potevamo fare di più. Abbiamo avuto delle occasioni importanti per esempio nel secondo tempo con Krunic e Maccarone, poi sul ribaltamento di fronte abbiamo subito il gol del 2-0 che ha chiuso il match e ci ha tagliato le gambe.
La difesa? Abbiamo avuto grandi cambiamenti anche per le indisponibilità di diversi giocatori, ma chi è stato chiamato in causa ha fatto bene non facendo rimpiangere i titolari.
La Lazio? E' una squadra forte ma vogliamo reagire dopo la sconfitta di oggi sfruttando il fattore casa.
Il mio rendimento? Mi sento bene, sto migliorando ma so che posso fare ancora meglio per crescere ulteriormente
".

Diousse: "Dispiace perdere così. Nel secondo tempo abbiamo iniziato col piglio giusto e avuto due ottime occasioni poi abbiamo subito gol. Ma sono partite che ti aiutano a crescere e dobbiamo conservare questa positiva per reagire al meglio con la Lazio.
La classifica? Non dobbiamo guardare a chi sta sotto di noi ma a chi sta davanti. L'obiettivo da qui alla fine è di vincere più partite possibili per raggiungere la salvezza il prima possibile.
L'andamento del match? Fino al primo gol dell'Inter abbiamo cercato di sviluppare diverse ripartenze ma senza sfruttarle al meglio. Dopo il loro gol abbiamo giocato meglio tenendo in mano il pallino del gioco. Purtroppo però il risultato non ci ha premiato e per questo dobbiamo adesso guardare avanti e pensare al prossimo match con la Lazio
".