Empoli, Martusciello carico: "Testa al Cagliari, non dobbiamo fare calcoli"

I toscani chiamati alla vittoria per avvicinarsi al traguardo della salvezza. L'allenatore non si fida: "Nessuno ti regala niente in Serie A".

Empoli, Martusciello carico: "Testa al Cagliari, non dobbiamo fare calcoli"
Empoli, Martusciello carico: "Testa al Cagliari, non dobbiamo fare calcoli"

L'obiettivo dell'Empoli è chiudere il più in fretta possibile il discorso salvezza. Quatro punti di vantaggio sul Crotone, a tre gare dal termine della stagione. C'è ancora da sudare, lottare, per tagliare il traguardo, e festeggiare il mantenimento della categoria. In realtà, l'aritmetica potrebbe già arrivare domani, in caso di successo dell'Empoli a Cagliari e contemporanea sconfitta del Crotone in casa contro l'Udinese. Il tecnico empolese però non vuole fare calcoli, pensa solo alla prossima sfida, senza guardare in casa altrui: "C'è poco da dire, dobbiamo solo proseguire nel buon momento che stiamo vivendo da qualche settimana. Conta vincere, fare più punti possibile, senza focalizzarci su altro. Non mi faccio del male, penso solo alla mia squadra, sono concentrato sulla partita e basta- Del resto non me ne interesso minimamente".

Si affronterà il Cagliari, una squadra che ormai è salva da tempo, autrice di una stagione tutto sommato positiva: "Dobbiamo fare molta attenzione e non sottovalutare i nostri avversari. Il fatto che non inseguano obiettivi, non vuol dire che ci regaleranno i tre punti. Loro hanno buone qualità, un impianto di gioco ben collaudato, insomma, fanno dell'organizzazione il loro punto di forza". Prosegue il mister: "Se loro saranno motivati, noi lo dovremmo essere ancora di più, perchè ci giochiamo tutto. Sappiamo di dover fare determinate cose, non dobbiamo aver paura dei nostri rivali; è importante l'approccio alla gara, questo non è assolutamente da fallire".

Sul possibile undici da opporre al Cagliari, Giovanni Martusciello sembra avere le idee molto chiare: "Penso che inizieremo la partita con la stessa formazione che ha giocato la settimana scorsa contro il Bologna. Siamo abituati a soffrire, lo faremo, perchè siamo consapevoli che nessuno ti regala niente in un campionato competitivo come la nostra Serie A". Krunic sta meglio, mentre Mchedlidze non sarà della partita: "Si, Krunic sta bene, si è allenato regolarmente con il resto del gruppo, ma bisogna valutare attentamente cosa può dare in campo, perchè la sua condizione fisica non può essere ancora ottimale. Per ciò che riguarda Levan, beh la situazione la conoscete, è ancora sofferente, e non è ancora arruolabile".