Babacar agguanta la Dinamo al 92'. Semifinale più vicina

La Fiorentina domina nel primo tempo ma spreca troppo e va sotto per il gol di Lens. Nella ripresa, dopo il palo di Borja Valero, è decisivo il senegalese nel recupero subentrato a Gomez.

Babacar agguanta la Dinamo al 92'. Semifinale più vicina
Alonso festeggia Babacar dopo la rete del pareggio
Dinamo Kiev
1 1
Fiorentina
Dinamo Kiev: Shovkovskiy, Danilo Silva, Antunes (Vida, min. 24), Dragovic, Khacheridi, Sydorchuk (Belhanda min. 23), Rybalka, Buyalskiy (Chumak, min. 35), Lens, Yarmolenko, Teodorczyk. (Rybka, Gusev, Kravets, Mbokani).
Fiorentina: Neto; Savic, Gonzalo Rodriguez, Tomovic; Joaquin (Vargas min. 23), Mati Fernandez, Badelj, Borja Valero (Aquilani min. 38), Alonso; Salah, Gomez (Babacar min. 32). (Tatarusanu, Richards, Pasqual, Ilicic).
SCORE: 1-0, min. 36, Lens. 1-1, min. 92, Babacar.
ARBITRO: Marciniak Szymon (POL). Ammoniti Dragovic (D Gomez (F), Sydorchuk (D), Alonso (F), Khacheridi (D), Lens (D, Tomovic (F) per gioco scorretto
NOTE: GARA VALIDA PER I QUARTI DI FINALE DELL'EUROPA LEAGUE, CHE SI GIOCA ALLO STADIO OLIMPICO DI KIEV. CALCIO D'INIZIO ORE 21.05.

Operazione riscatto. La Fiorentina torna a sorridere dopo le ultime due sconfitte con Napoli e Juventus grazie a Babacar che, subentrato a Mario Gomez, segna la rete del meritato 1-1 all'ultimo assalto. La Dinamo Kiev, dal canto suo si è difesa con ordine dopo essersi trovata in vantaggio quasi per caso nel miglior momento della squadra di Montella. Adesso il ritorno pende dalla parte dei viola che, al ritorno, avranno a disposizione due risultati su tre.

I due allenatori partono entrambi con il 4-3-3. Nella Dinamo Kiev Rebrov deve rinunciare all'infortunato Miguel Veloso, al suo posto Sydorchuk. Davanti si affida a Teodorczyk con Lens e Yarmolenko sulle fasce. Montella risponde con Salah e Joaquin ad assistere la punta centrale Mario Gomez. A metà campo sono Badeji e Mati Fernandez ad affiancare Borja Valero.

Nella splendida cornice dello stadio Olimpico di Kiev, le due squadre si studiano per i primi dieci minuti poi il primo lampo firmato Salah. All' 11', infatti, l'egiziano parte palla al piede dalla propria area di rigore dopo una palla recuperata su un calcio d'angolo per gli ucraini e, arrivato al limite dell'area, serve l' accorrente Joaquin che, forse dopo un tocco di troppo, calcia verso la porta difesa da Shovkovskiy trovando l'opposizione di Khacheridi, forse con un braccio. Al 18' è Gomez che, da posizione defilata, non riesce ad impattare bene la sfera su assistenza, ancora una volta di Salah. Nell'occasione si infortuna Antunes, sostituito da Vida. Al 28' attimi di paura per Joaquin che rimane a terra per una botta alla testa dopo uno scontro con Danilo Silva. Al 32' è la volta di Mati Fernandez che prova la conclusione dopo una bella azione corale. La palla finisce fuori di poco. Al 36' lo stesso Mati Fernandez penetra in area e scarica per Borja Valero che viene anticipato dalla difesa ucraina. Proprio nel miglior momento la doccia fredda per gli uomini di Montella, Lens carica il destro dal limite dell'area con il pallone che, complice una deviazione di Tomovic, si insacca alle spalle di un incolpevole Neto. Al 44' ammonito Dragovic per un intervento su Borja Valero. Il difensore era diffidato, salterà il ritorno. Dopo due minuti di recupero si va al riposo con la Dinamo in vantaggio su una buona Fiorentina.

La ripresa si apre con la Fiorentina in avanti alla ricerca della rete del pareggio anche se la prima conclusione è dei padroni di casa con Rybalka. Al 60' il direttore di gara fischia un fallo in attacco a Borja Valero dopo un contatto con Vida. Al 68' Vargas prende il posto di un buon Joaquin con Salah che torna sulla destra. Al 77' Fiorentina vicina al pareggio con Borja Valero che, su cross di Alonso, colpisce di testa da posizione defilata con la palla che finisce sul palo. Un minuto dopo Mario Gomez lascia il posto a Babacar, cambio che risulterà decisivo. La Fiorentina si butta in avanti con un assedio che, però, risulta sterile. Finchè al 92', sull'ennesimo calcio d'angolo la palla danza in area di rigore, Babacar si avventa sulla sfera con una semirovesciata che finisce all'angolino e non lascia scampo a Shovkovskiy. Adesso tutto si deciderà giovedì prossimo a Firenze.