Paulo Sousa: "Zarate può aiutarci, il Torino è cinico, ma noi dobbiamo pensare alla vittoria"

Paulo Sousa, tra campo e mercato, parla alla vigilia della partita contro il Torino di Ventura. Il portoghese non si fida dei granata e chiede ai suoi i tre punti.

Paulo Sousa: "Zarate può aiutarci, il Torino è cinico, ma noi dobbiamo pensare alla vittoria"
Paulo Sousa, prima stagione alla Fiorentina

La sconfitta con il Milan deve essere subito dimenticata, la Fiorentina di Paulo Sousa deve tornare a fare un gioco brillante e soprattutto a fare punti per restare nelle zone più alte della classifica. Magari anche grazie al mercato che nelle ultime ore ha portato Zarate a Firenze e Rossi in Spagna.

Paulo Sousa parte proprio da qui in conferenza stampa: "Credo che non si debba pensare che un giocatore va a sostituirne un altro. Il momento è stato solo coincidente, ma Zarate non sostituisce Rossi. Il mercato ci ha dato questa apportunità. Mi sembra che sia motivato e che abbia voglia di dimostrare il valore. Ha la qualità per aiutarci. Rossi? Il mio augurio è quello che ho sempre detto a lui e a tutti. Spero di vederlo felice sempre. Dopo un lungo recupero grazie alla Fiorentina che si è comportata straordinariamente bene. Al Levante avrà più spazio e spero di rivederlo presto." Un arrivederci quindi e non un addio, come in effetti ha detto anche lo stesso Rossi prima di partire per la Spagna. Due parole anche su Kalinic e Babacar sempre in tema attaccanti: "Sono giocatori completamente diversi ma che possono anche giocare insieme. Ogni volta prendiamo la scelta migliore per la partita, con la speranza che sia la migliore possibile."
 

Domani però c'è il Torino e Sousa vuole tornare alla vittoria, anche se non sarà facile: "All'andata in otto minuti ci hanno messo in difficoltà. E' una squadra matura, cinica e che sa addormentare gli avversari facendogli credere di dominare la partita. Dobbiamo pensare alla vittoria. Non cambieremo sul piano tattico e del modulo. Credo nella continuità del lavoro anche nei momenti di difficoltà. Non è in una settimana o con l'arrivo di giocatori nuovi di cambiare un'idea tattica. I principi devono essere gli stessi, anche con delle varianti ma che arrivano con il tempo." Chiusura ancora sul mercato e sul prossimo arrivo di Tello"E' un giocatore veloce che può darci una mano su entrambe le fasce per quello che è il nostro modo di giocare. Ha poi la capacità di essere importante in fase di ultimo passaggio."