Fiorentina, ecco Kone: "Qui per rimanere, siamo forti e dobbiamo puntare in alto"

Giornata di presentazioni ufficiali per la Fiorentina, con Panagiotis Kone che ha parlato in conferenza stampa. Idee chiare per il centrocampista ex Udinese.

Fiorentina, ecco Kone: "Qui per rimanere, siamo forti e dobbiamo puntare in alto"
Kone, in prestito dall'Udinese alla Fiorentina

Maglia numero 26 e tanta voglia di mettersi subito a disposizione di Paulo Sousa per inseguire il terzo posto e la Champions League. Panagiotis Kone è stato il colpo a centrocampo della Fiorentina nell'ultimo giorno di mercato. Prestito dall'Udinese, ma Kone spera di prolungare la permanenza in viola.

Queste le sue prime parole oggi in conferenza stampa: "Ad Ottobre, in Nazionale, ho avuto un infortunio grave: sono stato fuori tre mesi, mi sto allenando bene già da due settimane. Ringrazio la Fiorentina, spero di dimostrare il mio valore sul campo e guadagnare la fiducia del mio allenatore. Fisicamente sto bene, mi sto allenando regolarmente con la squadra, ho parlato poco con Paulo Sousa e mi ha detto cosa vuole da me. Devo trovare i movimenti giusti ancora, io sono un centrocampista offensivo... poi dipende dalla partita, dal modulo, dall'allenatore: o trequartista o mezzala, non posso giocare sulla fascia."

L'importante è lotare per qalcosa di importante insieme a tutta la squadra, partita per partita, iniziando dall'Inter: "Il terzo posto? Non dipende solo da me, siamo una squadra. Una squadra forte e grandi con obiettivi importanti, spero di stare bene ed aiutare tutti a puntare sempre più in alto. Non ci penso ancora al Napoli, anche se è vero che ho segnato spesso contro di loro. Penso alla prossima partita, per essere pronto e a disposizione. Contro l'Inter è una partita importante per noi, ma siamo tranquilli. Ieri sera siamo andati tutti a cena, la squadra è serena e sa che è forte: vogliamo arrivare più in alto possibile. Loro sono compatti, fisicamente molto forti ed hanno un allenatore intelligente e preparato." Gli idoli dell'adolescenza sono quelli di tanti altri ragazzi come lui: "Quando avevo 10/15 anni guardavo i video diMaradona e Zidane, ma quando diventi professionista queste cose le lasci indietro. Il mio sogno? Penso sempre al presente, sono contento di essere arrivato qui e vorrei guadagnarmi un posto da titolare per restare a Firenze."