Fiorentina: Badelj preoccupa, possibile recupero per Laurini e Thereau

Il francese sta recuperando velocemente, Pioli osserva ansioso i miglioramenti. Più serena la situazione riguardante Laurini, che a breve potrebbe essere arruolabile a pieno regime.

Fiorentina: Badelj preoccupa, possibile recupero per Laurini e Thereau
Source photo: profilo twitter Fiorentina

Buone notizie, in casa Fiorentina, con Stefano Pioli che sta sempre più sperando in un definitivo recupero di Thereau e Laurini, pezzi importanti per la rosa viola. Soprattutto il francese, che aveva spaventato tutti al momento dello stop, rappresenterà un rientro prezioso, che consentirebbe all'ex tecnico di Inter e Lazio di variare anche in corsa l'assetto tattico della propria rosa. Per ora le sue condizioni non assicurano un sereno reintegro, Pioli ed i suoi collaboratori faranno però di tutto per recuperarlo appieno.

Più serena, invece, la situazione-Laurini, con l'ex Empoli quasi pronto a giocarsi le proprie chances in vista del match contro l'agguerrita Spal di Semplici. Analizzando le condizioni degli altri calciatori, continuano a preoccupare le condizioni di Milan Badelj, che non riesce ad uscire dall'infermeria. L'assenza del croato potrebbe essere una grana non da poco, soprattutto considerando le sue ottime prestazioni in questa fase iniziale di stagione. Nessun problema, invece, per gli altri atleti a disposizione, concentrati per riprendere a vincere. Su tutti, scalpita Giovanni Simeone, in goal contro la Roma e deciso a non fermarsi.

Sull'argentino non si placa comunque l'attenzione dei top club europei, come confermano le timide avances fatte dal Villarreal all'ex Genoa. Secco no, comunque, da parte della Fiorentina, decisa a tenersi ancora per molto tempo l'attaccante incaricato di non far rimpiangere Nikola Kalinic, giocatore funzionale al progetto tattico dello scorso anno ed ora approdato al Milan, dove continua a giocarsi la maglia con gli altri attaccanti. Cedere il Cholito, al di là di una prevedibile esplosione di malumori da parte dei tifosi, farebbe crollare il castello costruito in estate, dove molti giocatori sono partiti ed altrettanti arrivati, pronti a costruire assieme un progetto ambizioso e, perché no, vincente.