Mancini: "Siamo dei polli"

È un Mancini senza parole quello che si presenta a parlare al termine del match contro il Napoli, perso al 94'

Mancini: "Siamo dei polli"
Roberto Mancini

Roberto Mancini, tecnico dell'Inter, parla ai microfoni di Rai Sport dopo la beffa contro il Napoli che ha battuto i neroazzurri al 94'. 

"Sinceramente non so cosa dire, non si può prendere un gol così dopo questa partita. Non mi ricordo neanche quando ho perso due o tre partite di seguito, saranno passati dieci anni. Diciamo che siamo dei polli, perché siamo troppo molli. Concedere un gol così è assurdo. Errore dilettantistico di RanocchiaHiguain è un giocatore troppo esperto e troppo furbo, ha capito che poteva anticipare tutti sullo scatto".

Oggi Mancini ha lanciato Santon, Brozovic e Puscas: "Sono contento per loro, hanno fatto una buona gara. Kovacic? Chiaro che un cambio l'avevo tenuto per i supplementari".

Non tutto però è da buttare: "La squadra è una squadra, però commettiamo errori, come quelli visti domenica a Sassuolo. Quello di oggi è allucinante, sono desolato per questo e da un lato felice perché la squadra sta tornando a giocare. Facciamo una fatica enorme a far gol. Oggi abbiamo cercato di vincerla, in panchina avevamo ancora cambi offensivi, come Kovacic, Palacio e Podolski. La squadra fa prestazioni buona, ma nel calcio conta vincere. Questa partita non si poteva perdere, perché è stata giocata".