Inter, Podolski è un fattore

Il tedesco, decisivo nelle ultime due uscite, è l'arma in più di Mancini per il finale.

Inter, Podolski è un fattore
Inter.it

Mezz'ora, poco meno, per riprendersi l'Inter, mezz'ora per lasciare un segno nella campagna italiana, prima di rientrare in Premier, all'Arsenal. Lukas Podolski sorride, dopo un periodo buio, fatto di panchine e incomprensioni. A San Siro, contro la Roma, l'assist a Icardi, a Udine il primo gol, decisivo. Podolski calcia, contrato, ci riprova e indovina col sinistro il sette, superando Karnezis. La rincorsa europea dell'Inter riparte da Podolski e dal suo impatto.

Un professionista, questo il pensiero comune, di Mancini e dei compagni, sincero l'abbraccio di tutti dopo la rete, una liberazione per Podolski, a segno in Nazionale, ma non con la casacca dell'Inter. Il ritorno a buon livello del tedesco segna un'importante accelerazione sul fronte offensivo, perché la rosa a disposizione di Mancini è ridotta all'osso e il rischio è di spremere Icardi e Palacio. Il calendario, nella prossima giornata, "offre" il Chievo a domicilio e il pensiero del tecnico è di lanciare, questa volta dal primo minuto, il tedesco, permettendo a Palacio di ritrovare forma e fiato in vista di Lazio e Juventus.

L'addio al termine della stagione - fine prestito, acquisto improbabile - non chiude la porta a un finale di livello, Podolski vuole smentire i critici, le voci di dissenso che criticano l'operato nerazzurro. Da giocatore finito a salvatore, in pochi minuti il destino offre la seconda occasione milanese al campione del mondo, rinfrancato e pronto a prendersi uno spicchio di celebrità, almeno agli occhi di Mancini e dei compagni.

La prossima Europa League passa dalla cinque gare che dividono l'Inter dalla fine del campionato, la lotta è selvaggia, perché Sampdoria, Fiorentina, Genoa e Torino costituiscono uno zoccolo duro da "cancellare", ma il trend in casa nerazzurra è positivo, dopo i demoni "ammirati" al Friuli, nel finale, Mancini si attende una pronta risposta.